La Superstars compie 10 anni, domenica a Monza lo start alla stagione 2013

Superstars, si parte! Diramata l’entry list ufficiale pressochè definitiva. A meno di accordi dell’ultimo secondo, saranno 20 le vetture che solcheranno l’autodromo di Monza per la prima tappa del campionato 2013, che festeggia il decimo anno della serie ideata da Flammini nel 2004.

Come preannunciato, mancheranno le Maserati dello Swiss Team ma al loro posto ci saranno le Porsche Panamera che il team Petri Corse ha rivoltato come un calzino durante l’inverno. Modifiche al telaio e al motore per l’auto che dominò il finale di stagione 2010 che torna a 3 anni di distanza sui campi di gara. A portarla in pista il campione in carica Johan Kristoffersson e Massimiliano Fantini, proveniente dalla Carrera Cup.

Altra new entry d’eccezione, la nuovissima Chevrolet Camaro preparata dalla Solaris Motorsport e affidata nelle sapienti mani di Francesco Sini, già vincitore al Mugello lo scorso anno con la Lumina. Per la muscle car americana solo un test proprio a Monza, in cui ha dimostrato affidabilità e velocità, ma ha tutte le carte in regola per essere tra i protaonisti fin da subito.

Mercedes, dopo aver perso gli ultimi tre titoli all’ultimissima gara, quest’anno mette in campo uno squadrone da far tremare i polsi. La Caal Racing perde lo status di team ufficiale in favore della compagine di Romeo Ferraris, che schiererà due C63 per l’ex F1 Vitantonio Liuzzi e Thomas Biagi, già campione Superstars nel 2010. Col Roma Racing Team, ci sarà Luigi Ferrara, a cui Nico Caldarola ha affidato lo sviluppo della nuovissima versione coupè della berlina di Stoccarda. La Caal, persi Liuzzi e lo status ufficiale, si affida al veloce Andrea Bacci e all’esperto Baccarelli, anche se i nomi di Camilo Zurcher e Stefano Gabellini aleggiano per le prossime gare.

E i campioni in carica dell’Audi? Saranno di nuovo tre le RS5 schierate dal marchio tedesco che lo scorso anno ha fatto incetta di titoli. La vettura di punta sarà affidata a Gianni Morbidelli, desideroso di riscattare un 2012 fin troppo sfortunato e di far fruttare per bene il vantaggio della trazione integrale della sua compagna di viaggio. Sulla seconda RS5 di Audi Sport Italia ci sarà Ferdinando Geri, gentleman driver con esperienza nell’endurance, mentre la MTM ha confermato all’ultimo Thomas Schoeffler, secondo miglior rookie 2012, che, stando alle entry list diramate, disputerà sia la Superstars che GT Sprint a bordo di una R8.

La BMW, perso il faro Biagi, si presenta in pista con una triade decisamente interessante per il team Dinamic. Confermati Max Mugelli e Giovanni Berton, che tanto bene avevano fatto nel finale di campionato scorso, arrivando anche a podio in occasione delle gare di Vallelunga. A loro si unirà Mauro Trentin, che avrà come assistent coach ai box in tutte le gare il fido Davide Amaduzzi. Una coppia che potrà riservare sorprese durante la stagione. Gianni Giudici sarà ancora una volta della partita con una M3 del suo team, così come il superveterano Francesco Ascani, presente sin dalla prima edizione del campionato, che avrà tra le mani una vettura della Todi Corse.

Formazione tutta rinnovata per la Jaguar, sempre un brutto cliente per tutti a Monza e nei tracciati tutto motore. La Ferlito Motors ha affidato le sue XFR ad Andrea Larini, velocissimo lo scorso anno con la Mercedes di Ferraris, e a…Diabolik! Chi si nasconde sotto questo pseudonimo non ve lo diciamo. Ma sappiate che ha già corso nella serie… Vediamo chi indovina per primo!

Gradito ritorno per la Cadillac, grazie all’impegno della RC Motorsport che schiera una CTS V per Roberto Benedetti e dalla prossima gara ne aggiungerà un’altra per Roberto del Castello. La vettura è stata profondamente rinnovata nel telaio e nelle sospensioni, vero punto debole del passato modello, e torna con ambizioni decisamente elevate. La vettura è stata già vista nei test collettivi di Monza, ma essendo solo uno shake down per controllare che tutto fosse in ordine, i tempi non sono venuti. Per quelli si attenderà sabato pomeriggio.

Last but not least, la Lexus IS-F del team MRT by Nocentini. La vettura giapponese ha vissuto fin’ora un’esistenza alquanto travagliata dovuta ai pochi test in pista e alla mancanza di continuità alle gare, non riuscendo ad esprimere al meglio tutto il suo potenziale. A guidarla sarà Alessandro Battaglin, che lascia in garage la vetusta ma sempre stupenda Chrysler 300C, preparata sempre dalla factory torinese.

20 macchine in rappresentanza di otto marchi. Questo il biglietto da visita che la Superstars esibisce a Monza per il suo decimo anno di attività. 20 piloti che si conderanno i titoli internazionale ed italiano, rookie e “Star driver”, dedicato ai più navigati, senza ovviamente dimenticare quello dedicato ai team, in 8 doppi round in giro per l’Europa.

Chi sarà la Superstars del decennio? Domenica forse avremo le idee più chiare…
Stay tuned!

[follow id=”Palumbo_Max” ]