MTCC, campionato quasi pronto

La prossima sarà una settimana decisiva per i campionati Superstars. In attesa di capire cosa ne sarà della serie internazionale, che ha perso per quest’anno la lega e secondo alcune fonti il suo futuro è abbastanza incerto, l’MTCC, il campionato voluto e gestito da Michelin Italia, prende ogni giorno sempre più forma.

La serie del gommista francese, presente in prima persona, è aperta alle V8 della Superstars (trazioni integrali comprese) e delle vetture, per la maggior parte BMW, rispondenti al regolamento 24h Special. Sono in pratica le M3 portate in pista nel CITE fino a qualche anno fa da i vari Meloni, Bacci, Necchi e che ora ritrovano una loro collocazione sportiva. Le prestazioni delle due tipologie di vetture saranno bilanciate con alcuni accorgimenti volti a rallentare le 24h Special tramite zavorre e altre economiche variazioni . Le modifiche saranno poi verificate in pista con un test comparativo tra una M3 in configurazione Superstars e una M3 in versione 24h Special. Al volante, un pilota superpartes di provata e stimata esperienza non legato a nessun marchio, che darà il suo contributo anche a bilanciare tra loro le altre vetture Superstars. 

Il regolamento sportivo, volto alla minima spesa e alla massima soddisfazione dei protagonisti (“un campionato fatto da piloti ed esperti del Motorsport a favore di piloti e team”, così fu descritto alla presentazione) e quello tecnico, a cui hanno collaborato esperti del calibro dell’ingegner Andrea Adamo, anima di Alfa Corse e Abarth e ora alla JAS, sarà reso pubblico la prossima settimana e messo on line sul sito del campionato, www.mtcc-v8.it

A questo punto, tutte le critiche, suggerimenti e modifiche che verranno portate dai potenziali interessati verranno messe al vaglio, analizzate e, nel caso, approvate. Proprio per creare un campionato quanto più vicino al volere e alla richieste di chi poi dovrà correre, senza però perdere di vista la filosofia alla base della serie. Al termine di questo percorso, il regolamento verrà depositato alla CSAI e non più modificato. 

La federazione sportiva, inoltre, alla prossima riunione si esprimerà sulla promozione dell’MTCC da trofeo a campionato italiano V8.

Per quanto riguarda la promozione, le gare verranno con buona probabilità trasmesse in diretta sulla TV di stato, con una coppia di telecronisti inedita e competente, e le repliche integrali (trasmesse più volte nella settimana successiva alla gara in orario serale) potrebbero trovare spazio su un canale tematico del digitale terrestre, commentate, si dice, da autorità del settore come Luigi Vignando o Giovanni Di Pillo. Inoltre, sono stati già acquisiti, sulle maggiori testate giornalistiche del settore, ampi spazi pubblicitari prima e durante la stagione, per assicurare un’adeguata copertura mediatica della serie. Ovviamente, a tutto questo si aggiungeranno il sito e le varie pagine sui social network. 

Per quanto riguarda la parte più propriamente “racing”, a metà Febbraio gli iscritti al campionato, avranno a disposizione una sessione di test collettivi gratuiti all’autodromo Tazio Nuvolari di Voghera. Si scenderà in pista di nuovo, con costi agevolati, due settimane prima dell’inizio del campionato a Franciacorta, teatro della prima tappa della serie. L’iscrizione all’MTCC, se effettuata entro marzo, sarà gratuita, e sono previsti ulteriori sconti per chi si iscriverà dopo. 

Un campionato, quello Michelin, che sembra avere ottime basi e lucide prospettive, la prossima settimana scopriremo se intercetterà anche le simpatie di team e piloti. 

Se la serie internazionale non dovesse andare in porto e se ci fossero le giuste condizioni e premesse, nulla vieta, secondo alcuni ben informati, che all’MTCC possano spuntare due o tre gare estere. Ma questo è un discorso che verrà affrontato nel caso più avanti. 

Nel frattempo, stay tuned: quella che si va ad aprire potrebbe essere la settimana decisiva per il futuro dei grossi V8 derivati dalla serie.