Nuovi balance e zavorre per la Superstars in vista di Zolder

Come previsto dal regolamento tecnico e sportivo, la Superstars dopo le prime tre gare tira le somme e applica i correttivi per cercare di ristabilire la parità tra le vetture in gara.

Nei primi tre appuntamenti la grande mattatrice è stata la Mercedes, con tre pole su tre e 4 vittorie in 6 gare. La vettura di Stoccarda è stata la vettura da battere su ogni pista e quindi si è “meritata” le attenzioni più decise del boreu tecnico.

L’altezza minima da terra per le vetture tedesche passa quindi da 60 a 75 mm, allineandosi al valore imposto all’Audi da inizio stagione, e la flangia sul motore viene rimpicciolita da 61 a 54.4mm. Tutte le decisioni si intendono valide sia per la versione berlina che coupè, quindi nessuno sconto per Ferrara.

L’Audi, penalizzata a inizio stagione da un’altezza da terra superiore a tutte le altre vetture e una flangia sul motore, perde quest’ultima e le vengono scontati anche 20 kg sulla bilancia.

Peso diminuito anche per la Jaguar, -25kg e per la Porsche Panamera, ben -40kg. Aggiornamento anche per la Maserati Quattroporte, il cui peso passa da 1320kg a 1290kg, ma in questo caso non c’è nessuno doppio fine, è una pura formalità.  Nessuna novità, infine, per Chevrolet, BMW, Lexus e Cadillac.

Sono stati, inoltre, assegnati anche gli handicap di peso per i risultati sportivi raggiungi in Slovacchia: nel prossimo round Biagi e Berton avranno 40kg di zavorra, Liuzzi 30kg e Morbidelli 10kg, mentre Ferrara azzererà il suo carico.

Ora la parola passa a Zolder, i correttivi otterranno l’effetto desiderato? Tutti gli occhi sono puntati su cosa potranno fare ora Audi, Porsche e Mercedes. I nomi da tener d’occhio sono due: Giovanardi e Morbidelli.

[follow id=”Palumbo_Max” ]