SuperStars, a Pergusa il nome del Campione 2012

Pergusa, appena divenuta tappa finale del campionato, sarà l’arena che darà un nome al Campione SuperStars 2012. Sono ancora tutti da assegnare i titoli 2012, sia piloti che team. Tra le squadre, il team BMW Dinamic ha 70 punti, su 77 in palio, di vantaggio sulla Caal, quindi basterà arrivare in fondo ad entrambe le gare per mettere le mani sul trofeo. Abbastanza scontato anche l’esito tra i Rookie, che mette in palio 100mila euro da poter spendere nel campionato Superstars 2013: Kristoffersson, in lizza anche per il titolo assoluto, ha 14 punti (su 20 da assegnare) di vantaggio sul compagno Schoffler. Tutto da scrivere invece l’esito del campionato tra gli Stars Drivers, dove Nico Caldarola, Mercedes Coupè, ha soli 3 punti di vantaggio su Walter Meloni, Bmw M3 berlina.
Tutti gli occhi saranno però puntati sulla lotta per i titoli assoluti italiano ed internazionale. In lizza, in entrambi i campionati, troviamo gli stessi piloti anche se con posizioni e possibilità diverse: Johan Kristoffersson, 24enne svedese su Audi RS4; Vito Liuzzi, ex F1 su Mercedes Classe C AMG; e Thomas Biagi, già bicampione della serie, su BMW M3. Nella serie internazionale lo svedese di casa Audi ha 10 punti di vantaggio su Liuzzi e 28 su Biagi; nell’italiano i giochi sono quasi fatti con Kristoffersson a +28 su Biagi e +38 su Liuzzi.

La pista siciliana, con i suoi lunghi rettilinei, è manna dal cielo per le Mercedes, che possono far valere tutta la loro potenza. Potendo sfruttare la cavalleria tedesca e non dovendo scontare alcun tipo di zavorra, Liuzzi ha buone possibilità di ridurre il suo svantaggio in gara 1 e giocarsi il tutto per tutto in gara 2. Le cose sono invece un pò più difficili per gli altri due contendenti: entrambi infatti dovranno portarsi a spasso le zavorre dovute ai risultati Vallelunga, con l’Audi di Kristoffersson che avrà il massimo carico su una pista già di suo poco favorevole alle trazioni integrali.

Di certo però il biondino di casa KMS non si da per vinto: “Non ho mai girato a Pergusa, ma sto studiando sulla carta ogni centimetro del tracciato per farmi trovare pronto. In ogni modo vedo favorite le Mercedes. La mia RS5 avrà anche la zavorra, dopo le due vittorie di Vallelunga, e dovrò faticare non poco per restare nel gruppo di testa. Devo cercare di prendere più punti possibili e mantenere il comando di entrambe le classifiche, ne vedremo delle belle”, ha detto ai microfoni di eurosuperstars.com. Liuzzi, dal canto suo, sembra più rilassato e confidente: “Stiamo lavorando molto sulla configurazione del setup della nostra Mercedes, che almeno sulla carta dovrebbe trovarsi a suo agio a Pergusa. Nel frattempo, per tenermi in allenamento, ho preso parte la scorsa settimana ad una gara del V8 Supercars (Gold Coast 600, incidente in partenza e addio gara, ndr) in Australia per essere al top in Sicilia e giocarmi il titolo fino all’ultimo giro”, la parole dell’ex F1.
Più difficile la situazione di Biagi, che con 28 punti di svantaggio in entrambe le serie e con la cancellazione della gara in Indonesia, vede le sue possibilità ridotte al lumicino e legate a doppio filo ai risultati degli altri due.

Sul forum di motorionline.com, l’utente “Fede” ha fatto una bella ricerca su quelli che sono stati gli andamenti delle finali di campionato dal 2004 ad oggi, in pratica dagli albori della serie fino alla sfida Bertolini-Ferrara dello scorso anno. Grazie al suo impareggiabile lavoro (qui il post completo), scopriamo che su 10 titoli assegnati all’ultima gara, il pilota che si è presentato sulla griglia di gara 1 in testa alla classifica ha sempre portato a casa l’iride. Unica eccezione proprio il 2011, dove Bertolini, terzo in campionato, con una perentoria doppietta ha ribaltato una situazione che vedeva Gigi Ferrara favorito.
Come finirà quest’anno? Biagi riuscirà a ripetere l’impresa di Bertolini? Francamente sembra difficile, perchè il modenese lo scorso anno disponeva di un mezzo ben superiore ai rivali. Più prbabile, invece, che Liuzzi riesca a far valere la potenza della sua Mercedes, approfittando anche della zavorra di Kristoffersson, e mettere così le mani sul titolo internazionale, lasciando allo svedese, già campione STCC, il trofeo nazionale. Con buona pace di Biagi e della BMW. Anche se, in una gara turismo, mai dire mai…

Ancora qualche giorno e poi il cronometro ci darà tutte le risposte! Due gare da 25 minuti più un giro e sapremo chi sarà la SuperStars del 2012.

Affilate i paraurti…