Superstars, Monza, libere 1: Morbidelli precede le Mercedes

La pista umida e le temperature basse hanno accolto l’esordio stagionale della Superstars sul tracciato di Monza. Nella prima sessione di prove libere a svettare è stata l’Audi RS5 di Gianni Morbidelli con un 2’04″332, a suo agio grazie anche alla trazione integrale.

Il pesarese precede Gigi Ferrara, subito al top con al Mercedes Coupè del Roma Racing Team, vettura che si credeva ancora bisognosa di sviluppo e che invece si piazza a 23 millesimi dal miglior tempo, precedendo le due Mercedes ufficiali.

Vito Liuzzi e Thomas Biagi, sulle vetture di Stoccarda di Romeo Ferraris, sono terzo e quarto, staccati di 1’3 e 1.5 dalla vetta, ma l’impressione è che non abbiamo mostrato tutto il reale potenziale. Stesso discorso per la Chevorlet Camaro di Sini, quinto.

La prima BMW è quella di Giovanni Berton sesto, che precede la Jaguar di Andrea Larini e la Mercedes di Leonardo Baccarelli. Solo nono il campione in carica Johan Kristoffersson, praticamente alla prima presa di contatto con la vettura, dato che nei test della settimana scorsa aveva potuto girare pochissimo.

Seguono la Lexus di Battaglin, la BMW di Ascani, , quindi Geri, Trentin, Bacci e Giudici che ha l’ultimo tempo cronometrato. Solo qualche installation lap e controlli alla vettura per Massimiliano Fantini, Max Mugelli, Roberto Benedetti e il famigerato Diabolik…

A giudicare dai tempi e dai distacchi, sono stati molti i piloti che si sono tenuti abbottonati, vista anche la pista bagnata. Nelle libere 2, se il tracciato offrirà più grip potremmo vedere i reali valori in campo. Altrimenti basterà attendere questo pomeriggio e le qualifiche, li si farà davvero sul serio.

[follow id=”Palumbo_Max” ]

0003014