Superstars, Morbidelli si aggiudica gara 2, primo podio per Sini

Dopo il bagno mattutino che ha portato fortuna a Vitantonio Liuzzi i quattordici piloti al via dell’appuntamento imolese della Superstars (Ferrara out dopo gara 1, ndr) hanno dovuto far nuovamente i conti con le condizioni a dir poco proibitive del circuito romagnolo, condizionando di nuovo la direzione gara per la partenza ‘prudente’ in regime di safety car.

Allo start buono lo scatto del poleman Francesco Sini con la Chevy Camaro a trazione posteriore, avvantaggiato dalla potente spinta del V8 americano riesce subito a creare un po’ di gap tra lui e la BMW di Mugelli, che però poco dopo deve dire addio ai suoi sogni di gloria andando testacoda, aprendo la strada a Berton che seguiva.

Come successo in gara 1, anche nella manche del pomeriggio Gianni Morbidelli (sesto al via) è autore di una imperiosa rimonta, aiutato come non mai dalla incredibile trazione delle 4 ruote motrici Audi, permettendogli di essere veloce nei punti dove gli altri invece viste le precarie condizioni del pista non osano spingere. Con alle spalle il velocissimo Liuzzi il pilota Audi è riuscito ad infilare senza troppi problemi Berton, mossa ripetuta poi da Liuzzi che ha continuato la caccia al velocissimo pilota ufficiale Audi.

La leadership di Sini durerà solamente cinque giri, il tempo necessario a Morbidelli per colmare il gap che lo separava dalla muscle car americana e sferrarle l’attacco decisivo per la vittoria. Il pilota Solaris in odore del primo podio stagionale è stato poi infilato anche da Liuzzi, ma non ha voluto cedere il gradino più basso del podio a Di Benedetto innescando quindi una bella ma sportiva lotta con quest’ultimo.

Quinta piazza per il debuttante Giuseppe Cipriani sulla terza Audi RS5 in gara, seguito da Berton e da Biagi. Il settimo posto del bolognese spiana la strada in campionato a Morbidelli, che a Vallelunga potrà contare su 33 punti di vantaggio su Biagi, gap colmabile visti i 45 punti in palio sul circuito romano.

Roberto Del Papa