Superstars, presentato oggi il campionato Michelin MTCC

E’ stato presentato questa mattina presso la sede dell’Automobile Club di Milano l’MTCC, il nuovo campionato turismo per vetture V8 promosso da Michelin Italia e gestito dalla Lug Prince & Decker di Massimo Arduini. MTCC è l’acronimo dietro al quale si nasconde la denominazione ufficiale di Michelin Touring Car Cup, ma nei prossimi mesi l’ultima C potrebbe cambiare da Cup a Championship se verrà accolta dalla CSAI la richiesta di titolazione di campionato italiano.

Le vetture. Due, come anticipato, i raggruppamenti previsti: la classe top, denominata Prima Divisione, vedrà sfidarsi le vetture Superstars e le V8 24h Special debitamente rallentate, mentre l’altra sarà una classe “entry level” composta dalle Peugeot RCZ Cup, aggiornate con un kit di evoluzione che formeranno la Seconda Divisione. Il regolamento tecnico, per la prima divisione, fa fede a quello Superstars, senza deroghe e privo di alcune complicazioni nate negli ultimi anni. Non è stato ancora completamente ufficializzato in quanto bisogna stabilire le modifiche da approntare alle V8 24h Special per bilanciare le loro prestazioni a quelle della serie di Flammini. A differenza della serie internazionale, qui le vetture a quattro ruote motrici sono ammesse, un’ottima notizia per le Audi RS5 e RS4.

Staff tecnico. Per bilanciare le prestazioni tra V8 24h e Superstars a Marzo verrà organizzata una sessione di test collettivi, occasione nella quale verranno anche comparate le prestazioni tra le due tipologie di vetture, affidate ad un pilota superpartes e non legato a nessuno dei due campionati. A decidere i cambiamenti sarà un team composto da un tecnico nominato dal promoter ma ancora da ufficializzare, oltre ad Andrea Adamo, l’ingegnere storico di Alfa e Abarth e ora in JAS, che avrà il ruolo di advisor tecnico, e a Giampiero Chiappella per la CSAI. Le V8 24h saranno rallentate agendo innanzitutto su zavorre, eliminando l’ABS e uniformando la gommatura a quella Superstars, successivamente al test verrà poi deciso quali altre modifiche effettuare, cercando, per una questione di costi, di non intervenire sul motore.

Format di gara. Il campionato è stato pensato “dal punto di vista del pilota e della passione“, quindi massimo riguardo verso i driver e le loro necessità. Quasi tutte le gare si disputeranno su due giorni, con due sessioni di libere  e due di qualifica da 30 minuti ciascuna, più le due gare della domenica da 25 minuti più un giro. Almeno un’ora separerà una sessione dall’altra, in modo da dare ai team il tempo necessario per approntare le riparazioni del caso se si verificassero incidenti o problemi. Per mantenere alto il livello di spettacolarità del campionato, inoltre, sono previsti anche handicap di peso per i migliori piloti in base ai risultati di gara, come si fa nel WTCC.

Calendario. Tutte le gare si svolgeranno in Italia e quasi tutte col CITE all’interno dei Racing WeekEnd Csai, in dettaglio:

13 Aprile – Franciacorta
11 Maggio -Misano
1 Giugno – Monza
13 Luglio -Mugello
27 Luglio – Magione
14 Settembre – Vallelunga
12 Ottobre – Imola

Punteggio. Previsti un punto per la pole di ogni qualifica e 1 per ogni giro veloce. In gara andranno a segno i primi 10, con 20 punti al vincitore e poi a a scalare 15, 12, 8, 7, 5, 4, 3, 2, fino a 1 punto per il decimo classificato di ogni gara. Per l’assegnazione del titolo, varranno i migliori 12 risultati, quindi si avrà la possibilità di scartarne due.

Costi. La serie si prefigge di mantenere calmierati i costi. E’ possibile correre in due, dividendosi equamente le sessioni di prove e le gare e poi sommare i punteggi a fine giornata. Si correrà in pratica come un equipaggio (CREW, come il nome del regolamento), portando punti l’uno all’altro, quindi la scelta del compagno sarà determinante ai fini della classifica finale ma potrà comunque essere modificata nel corso della stagione. Correre in due, ovviamente, vuol dire dimezzare i costi e in più, per chi si iscrive al campionato entro il entro il 28 febbraio, l’iscrizione sarà gratuità e Michelin offrirà due pneumatici in regalo, successivamente si avrà diritto solo all’iscrizione gratuità fino a fine marzo. Per limitare i costi, in pit lane saranno ammessi solo tre persone intorno alla macchina. Una prima stima spannometrica indica in circa 15mila euro a gara il costo per ogni vettura, la metà se si corre in due.

Promozione. Si è parlato di TV, gare in diretta o a differita programmata, quindi a orari certi su un canale nazionale. Riserbo sul nome dell’emittente, anche se i contatti sono ben avviati con una realtà di primo piano. La serie avrà poi un suo sito specifico e godrà in pieno della comunicazione prevista da Aci Sport nei suo magazines. Per ogni info, è disponibile l’indirizzo mail d.rizzi@lpditalia.it.

Massimiliano Palumbo