TCR Valencia: Torna Comini Re

a8e1bbd16f83d6bd004e604c1f286f1d

E’ finalmente arrivata in Europa la TCR International Series e per l’occasione ha portato nel vecchio continente un bel pò di novità presenti e future. In pista son tornate le Opel Astra del Team Campos, all’ultimo è saltata la presenza della Focus Proteam di Romanini ancora bisognosa di cure e numerosi sono stati i piloti che hanno voluto assaggiare la serie voluta da Marcello Lotti. Ma sono molti i costruttori interessati a entrare…chi? Scopritelo nell’articolo!

Così, con 17 vetture in pista, la TCR ha dato il benvenuto alla prima donna della categoria, la spagnola Lucile Cypriano, giunta 12esima in gara 1, a Bas Schouten, David Cebrián Ariza e Oscar Nogues tutti su Seat Leon. Le hatchback  spagnole hanno fatto gli onori di casa a Valencia dominando tutto il dominabile. Sin dalle prove libere le Leon hanno dimostrato un passo decisamente superiore a tutti, piazzando una cinquina in qualifica – pole di Pepe Oriola davanti al nostro Andrea Belicchi -, e poi andando a prendersi tutti i gradini del podio sia in gara 1, vinta dal poleman iberico, sia in gara 2, dominata dallo svizzero Comini che ha approfittato del caotico start per prendere il comando delle operazioni in gara e in campionato.

fa7090e374fe529a2f9400eed7affb15Entrambe le gare sono state ancora una volta decisamente movimentate, tra sorpassi e contatti che hanno appassionato il pubblico spagnolo e i touring fans da casa. Questa volta però sono arrivate anche le penalità a firma del direttore di gara Marc Duez, che ha cercato di mettere un pò d’ordine tra gli indiavolati protagonisti della serie. Proprio un penalty non rispettato in gara 2 è costato a Belicchi il terzo posto nell’ultima corsa, vedendosi escludere dalla classifica per non aver onorato il drive throught conquistato in gara. Ne ha approfittato Morbidelli, che con una Honda Civic appesantita dal BOP e dalle zavorre post trionfo in Cina, ha corso con intelligenza e costanza, accontentandosi di un ottavo posto in gara 1 e riuscendo a salire, post penalizzazione, sul podio della seconda frazione, racimolando un buon bottino di punti che gli consentono di essere secondo in campionato a 15 punti dal capoclassifica Comini, unico pilota a vincere per ora due gare TCR ma sopratutto molto costante e intelligente in ottica gara.

c97809a13c9b05316961b04a16460714

In crescendo le prestazioni di Michael Nykjaer, l’ex pilota WTCC (quasi vicecampione 2 anni fa quando ha dovuto abbandonare il mondiale a tre gare dalla fine per carenza di budget) sta cominciando a ingranare e capire al meglio la sua Seat Leon, riuscendo a conquistare un podio nella seconda frazione. Continua l’apprendistato del giovane italiano Lorenzo Veglia, sempre ingarellatissimo in battaglie alla conquista stabile della Top10.

Intanto, mentre il carrozzone TCR si dirige verso Monza, continuano a piovere adesioni e intenzioni alla serie. La Ford dovrebbe tornare in Brianza, la Subaru arriverà nel finale di stagione con i fratelli Agnello della Top Run che stanno preparando un’Impreza, la Golf attesa a sostituire la TT del team Engstler ma sopratutto è in dirittura d’arrivo l’Audi S3 che la Reiter Engineering sta ultimando nella galleria del vento di Dallara e che arriverà verso settembre. Da aggiungere richieste più o meno interessate da parte di BMW, con la Serie 1, Peugeot e Renault…

Intanto, continua a far sempre più rumore il possibile arrivo di Alfa Romeo con la Giulietta, i progetti presentati a Torino da factory italiane e non si sprecano, la Scuderia Giudici vorrebbe adattare la sua VLN per, almeno, il CITE…manca solo una risposta, presa di coraggio, decisione che dir si voglia dai piani alti del Lingotto per tornare a far brillare gli occhi a tanti appassionati e non solo.

Massimiliano Palumbo