Touring Weekly: Dragon Motor Racing non sarà a Bathurst, DTM e SuperGT creano la Class One ed altro

10610823_352352758251112_3648935815645383673_n

Torna, nella ormai fissa nuova collocazione del venerdì alle 19, l’appuntamento con il settimanale di notizie dal mondo turismo, Touring Weekly. In questo numero parleremo di V8 Supercars, DTM, ETCC, WTCC e STCC.

[divider scroll_text=”V8 Supercars”]
[space height=20]

V8 Supercars: Dragon Motor Racing non sarà a Bathurst

In un’intervista pubblicata sul sito ufficiale V8 Supercars Tony Klein, il boss di Dragon Motor Racing, ha annunciato che il team non schiererà le 2 Holden Commodore ex-GRM per cui erano state garantite le wildcards per la Supercheap Auto Bathurst 1000, che si terrà il prossimo 12 Ottobre. Klein, che avevà già rinunciato a schierare una delle 2 vetture in suo possesso a Sandown, ha dichiarato che tale scelta è dovuta all’attuale mancanza di organizzazione. Dragon infatti al momento saltuariamente schiera, con risultati tutt’altro che brillanti, le vetture in Dunlop Series, campionato in cui le gare sono decisamente più corte del V8 Supercars e non richiedono pist-stops, permettendo al team di poter competere con pochissimi meccanici a disposizione.

In seguito all’annuncio, da più parti è arrivata la voce di corridoio che in realtà Dragon Motor Racing navighi in cattive acque sul piano finanziario. Le vetture del team, nelle poche apparizioni in Dunlop Series, sono apparse in pista senza sponsor di rilievo, a parte quelli canonici del campionato che appaiono in forma ridotta su tutte le vetture ed il logo di un resort/spa che appare sul tetto delle vetture del team. Il fatto proprio della mancanza di sponsor, unito agli scarsi risultati nelle poche apparizioni fatte ed al voler “strafare” di Klein (Dragon Motor Racing dovrebbe anche sbarcare oltreoceano, approdando in Indy Light nel 2015), avrebbero quindi portato velocemente al prosciugarsi delle finanze del team e del suo fondatore, oltre che alla fuga (ufficialmente un semplice passaggio ad altro team) di Tim Macrow, che per Dragon ha corso a Winton e Townsville e che tornerà in Dunlop Series a Bathurst col team RSport.

In molti infatti avevano già indicato a suo tempo il “pensavo non ci avrebbero accettato” incredulo di Klein, al momento dell’uscita del comunicato con le 3 wildcards di Bathurst (la Falcon di Super Black Racing e le 2 Commodore di Dragon Motor Racing), come un campanello di allarme, interpretando l’affermazione come quella di uno che si era buttato in mezzo solo per apparire e con la sicurezza di non venire scelto e che, quindi, si era ritrovato in una situazione molto più grande di lui. Staremo quindi a vedere quale sarà la verità quando, secondo le parole di Klein, il team tornerà in pista nel 2015 in Dunlop Series ed in Indy Lights e quindi capiremo se le voci sono solo dicerie o verità.

[divider scroll_text=”DTM”]
[space height=20]

DTM: accordo con il SuperGT per la creazione della nuova Class One

c21e1175395_209861129178298_15634270_n

Pochi giorni fa ITR, la società che gestisce il DTM in cui partecipano anche rappresentanti dei costruttori, e gli organizzatori del SuperGT giapponese si sono incontrati a Tokyo per definire meglio la realizzazione di vetture comuni tra i 2 campionati. Dall’incontro è uscito fuori il progetto denominato “Class One”, che prevede la realizzazione di vetture silhouette simili alle attuali DTM e SuperGT, con motori 2 litri turbo a 4 cilindri con una potenza di circa 600 cavalli, con un alto livello di sicurezza ma costi nettamente inferiori rispetto a quelli delle attuali vetture.

All’incontro ha partecipato anche IMSA, non si sa ancora bene se interessata al progetto per inserirlo in uno dei suoi campionati attuali (TUSCC?) oppure per la realizzazione di un nuovo campionato (il tanto chiacchierato DTM America?). Con questo progetto comune, simile a quanto avveniva negli anni ’90 con le classi D1 e D2, un costruttore avrà la possibilità di realizzare un singolo modello da far correre in Germania, in Giappone e negli Stati Uniti, oppure a un team di correre una weekend a Suzuka, il successivo al Nurburgring e quello successivo ancora a Daytona, il tutto senza dover cambiare vettura.

[divider scroll_text=”ETCC”]
[space height=20]

ETCC: a Pergusa si chiude il campionato europeo 2014

AUTO - ETCC ENNA 2014

Si è tenuto il weekend scorso, sul circuito siciliano di Pergusa, l’ultimo appuntamento del campionato europeo turismo. Dopo una pausa di ben 3 mesi le vetture dell’ETCC sono tornate in pista per contendersi alcuni dei titoli ancora in palio. Nella classe TC2T è bastata la vittoria di Gara 1 a Nikolay Karamyshev per vincere il titolo, grazie al vantaggio di 26 punti alla fine della gara su Mat’o Homola, secondo in gara ed in campionato, con soli 20 punti a disposizione per la vittoria in Gara 2. Karamyshev, protagonista col compagno di squadra Igor Skuz di un controverso incidente durante le qualifiche, ha letteralmente dominato la gara, partendo dalla pole e conducendo la gara dal primo all’ultimo giro, salvo poi ritirarsi in Gara 2, col titolo già in tasca, già al secondo giro. Skuz, partito ventitreesimo in Gara 1, ha scalato la classifica di entrambe le gare arrivando a vincere Gara 2, chiudendo al terzo posto il campionato in classe TC2T.

In classe TC2 conferma di Petrr Fulin, che a Pergusa ha messo a segno una doppia vittoria di classe. Secondo e staccatissimo il ceco Michal Matejovsky, 2 volte secondo in Sicilia, che ha a sua volta rifilato un distacco pesante a Peter Rikli, terzo di classe al termine del campionato. Nella Super 1600 la lotta si è risolta solamente questo weekend, con Gilles Bruckner che vince il titolo battendo la compagna di squadra Ulrike Krafft, con cui era a pari punti dopo le qualifiche. Grazie alla doppia vittoria del lussembrughese ed al doppio terzo posto della tedesca è stato poi il primo a conquistare il titolo, col tedesco Christian Kraneneberg che in virtù dei 2 secondi posti ha chiuso il campionato a ridosso della Krafft.

Nella classifica del monomarca Seat, dato l’abbandono di Aku Pellinen che vi avevamo annunciato la settimana scorsa, è stato Dmitry Bragin a conquistare il titolo, precedendo Andreas Pfister (coinvolto nell’incidente in qualifica tra Karamyshev e Skuz) e proprio Pellinen. Infine, nel trofeo femminile Ulrike Krafft vince il titolo precedendo Ksenya Niks ed Andrina Gugger.

Classifica completa finale ETCC

[divider scroll_text=”SCROLL_TEXT”]
[space height=20]

WTCC: Soong arriva, Lukoil se ne va

soong

Il pilota di Hong Kong Michael Soong farà questo weekend il suo ritorno nel WTCC. Soong, che ha debuttato nel campionato mondiale lo scorso anno a Macao chiudendo al diciottesimo posto Gara 1 e ritirandosi in Gara 2, correrà a Goldenport con una Seat Leon TC2T di Campos affiancando John Filippi. Non è stato comunicato che Soong parteciperà a tutto l’Asia Trophy o solo all’appuntamento di Beijing.

Nel frattempo, Lukoil ha deciso di chiudere anzitempo il contratto di sponsorizzazione con Lada. A Lukoil non è andato giù il fatto che, alla presentazione della nuova Vesta, Lada abbia annunciato l’accordo per la sponsorizzazione con Rosfnet, società concorrente di Lukoil. Quelle di Goldenport saranno quindi le prime gare WTCC dal 2011 senza la presenza in pista del marchio Lukoil, entrato come sponsor di Sunred e Seat Sport nel biennio 2011-20112 e poi passato prima ad una doppia sponsorizzazione Lada- Chevrolet (ma solo sulla Cruze di Muller) nel 2013 ed infine quest’anno solo con Lada.

[divider scroll_text=”SCROLL_TEXT”]
[space hegight=20]

STCC: i video della stagione 2014

STCC Falkenberg

Come preannunciatovi la settimana scorsa, questa settimana vi proponiamo i video delle gare 2014 del campionato scandinavo. I video hanno commento in svedese e contengono anche gare di contorno oltre alle 2 gare STCC di ogni weekend. Buona visione.

10 Maggio – Knutstorp
7 Giugno – Goteborg
13 Luglio – Falkenberg (al momento non disponibile)
23 Agosto – Knutstorp
6 Settembre – Solvalla
20 Settembre – Mantorp Park

[divider]
[space height=2o]