Touring weekly: pronti, TCR, via! E in Italia sono attese…

Torna l’appuntamento settimanale sul turismo da corsa firmato Motorsport Rants. Vediamo cosa è successo negli ultimi sette giorni nel rugby dell’automobilismo sportivo… Data la mole di news, per questa settimana il vostro appuntamento sul turismo sarà scisso in due: TCR e WTCC.

Cominciamo dai primi.

25.10.2015 - Race 1, Start of the race
25.10.2015 – Race 1, Start of the race

Arriva il calendario della prossima stagione

Messa in cantina la prima avvincente stagione con la vittoria di Stefano Comini (a proposito, l’avete sentito ieri a RetroBox?) e della SEAT Leon, la serie di Marcello Lotti pone giù le basi per il 2016. Ecco quindi pronto il calendario, che rispecchia molto quello di quest’anno ma con alcune importanti aggiunte, come Spa ad esempio. Per quanto riguarda l’Italia, viene confermata Monza dove si vedrà, in gare separate, anche il TCR Italia.

Lotti e i suoi stanno trattando con Ecclestone il rinnovo della partnership con la F1 per le gare in Medio Oriene e in Asia, mentre è invece confermata la finale a Macao. Interessanti i weekend portoghese, condiviso con il GT Open , e quello belga di Spa, che dividerà il paddock addirittura con il WEC. In Portogallo, Italia e Germania si correrà insieme alle serie nazionali ma in corse differenti, chi vorrà potrà prendere parte ad entrambi i campionati, disputando quattro gare in un weekend cambiando probabilmente la marca delle gomme e i relativi assetti. Date e circuiti da confermare, infine, per Cina e Thailandia.

Quindi, ricapitolando, appena verranno firmati gli ultimi contratti (F1 in primis), questo sarà il calendario 2016:

3 aprile – Bahrain con la F1
24 aprile – Estoril (Portogallo) con GT Open e TCR Portogallo
8 maggio – Spa (Belgio) con il WEC
22 maggio – Monza (Italia) con il TCR Italia
5 giugno – Salisburgo (Austria)
19 giugno – Oschersleben (Germania) con il TCR Germania
3 luglio – Sochi (Russia)
TBA – Cina
18 settembre – Singapore con la F1
TBA – Thailandia
2 ottobre – Sepang (Malesia) con la F1
20 novembre – Macao

 

Il TCR Italia, CIT, prevede quasi 20 auto

2015-img-CITE-Mugello-notizie-2start9Dal prossimo anno, come ben sapete, l’attuale CITE si trasformerà in CIT, Campionato Italiano Turismo, e ammetterà al suo interno due classi, TCR e TCS, che a sua volta avrà quattro sottoclassi. Per il primo anno si correrà tutti insieme, poi la speranza, un po’ di tutti, è quella di tornare ad avere il CIVT e Superturismo. Prima di cominciare a sognare, però, cerchiamo di capire cosa ci aspetta.

Nella classe maggiore, il TCR, sono attese almeno 14 vetture, buona parte SEAT – alcune arrivano dal monomarca Leon -, ma non dovrebbero mancare le Honda, oltre, come vi avevamo annunciato, è quasi confermata la presenza di Giulietta e Subaru. Ferraris e la Top Run utilizzeranno infatti il campionato di casa anche come banco test. Non male come inizio. Nella classe inferiore, al momento sono state annunciate due Honda Civic Type R della Vaccari Motori e si vedranno anche le Polo 1.4 turbo GTI della Abruzzo Motorsport. In totale, tra confermate e da confermare, saranno almeno 6 le TCS a correre tutta la stagione.

 

Dall’ETCC al TCR, Borkovic e Kajaia faranno il mondiale TCR

borkovic-630x354Dusan Borkovic ha scelto cosa fare nel 2016: fare un upgrade alla SEAT Leon Cup Racer con cui ha vinto il titolo di classe del ETCC 2015 e partecipare sempre con la B3 Racing Team Hungary all’International TCR Series. Il serbo, già campione nazionale ed europeo di salita, quest’anno aveva preso parte alle prime gare del WTCC con la Civic del Proteam, abbandonando poi la compagnia dopo tre round perchè i suoi 207 centimetri proprio non entravano nell’angusto abitacolo della Honda. Ora la nuova sfida nel mondiale TCR e chissà che, con la stessa Leon, non possa continuare a lottare anche per difendere il suo titolo ETCC.

Stesso discorso per Davit Kajaia, 31enne georigiano campione 2015 ETCC in classe TC2T con una BMW 320TC, in procinto di passare al mundialito TCR. Sei volte campione nazionale slalom, Kajaia continuerà con il Team Engstler, che gli affiderà una delle tre Volkswagen Golf che schiererà nella serie internazionale.

 

Giulietta e Astra in pista, nuovo cambio per la Leon

5666120151209101716La stagione 2015 si è conclusa a Macao ma lo sviluppo delle auto continua incessante. In questi giorni l’Opel Astra è stata beccata a Zandvoort mentre era impegnata in alcuni test. Massimo riserbo sui tempi e i piloti, ma probabilmente i primi esemplari della versione definitiva arriveranno il prossimo anno alla Target, campione 2015 del mundialito TCR. In pista, a San Martino del Lago, c’è anche la Giulietta preparata da Romeo Ferraris, che con Salvatore Tavano e Michela Cerruti continua il suo sviluppo. Obiettivo dichiarato, sgrossare l’auto, trovare un assetto standard e renderla, affidabile, competitiva e disponibile per l’inizio del 2016.

Novità anche per la SEAT Leon Cup Racer, che guadagna un nuovo cambio Sadev in luogo dell’attuale DSG derivato dallo stradale. Si passa dal cambio di mia nonna ad uno finalmente racing“, è stato il commento di Comini, campione ‘del mondo’ TCR 2015 proprio con la Leon. In effetti il cambio era forse la pecca maggiore della SEAT, troppo dolce e lento per un campionato così competitivo. Problema risolto. E sono arrivati anche i nuovi caliper anteriori. Per chi poi è interessato all’endurance, c’è la possibilità di montare un serbatoio da 100 litri.

Massimiliano Palumbo