Diversi team alla corte del V8 Supercars in previsione 2015

142P0007

Come risaputo, quest’anno per difficoltà tecniche e mancanza di sponsors (e quindi di disponibilità finanziarie), la griglia del V8 Supercars è diminuita dalle 28 vetture del 2013 alle 25 di quest’anno. Questo assottigliamento della griglia ha portato all’avere 3 REC (le licenze per schierare vetture in campionato) vaganti ed è quindi già partita la corsa ad accaparrarsele, sempre che l’interesse mostrato da più parti negli ultimi mesi non porti l’organizzazione del campionato ad emetterne di nuove.

NASCAR-Sprint-Cup-RacingCome vi avevamo già raccontato, il nome più illustre interessato al V8 Supercars è quello di Penske. Negli ultimi mesi, sono stati avvistati più volte sia Tim Cindric che Roger Penske in persona in terra australiana e quindi pare concreta la possibilità di vedere il prossimo anno un Team Penske anche in Australia. Non è ancora chiaro come sarà l’impegno di questo team in campionato, dato che si alternano voci discordanti: c’è chi dice che sbarcherà con un nuovo costruttore, chi dice che porterà in pista altre Ford, chi dice che potrebbe collegarsi (se non addirittura acquisire completamente) il Dick Johnson Racing e chi dice addirittura che potrebbe rilevare interamente Ford Performance Racing. Escludendo l’ultima possibilità, che pare la più fantascentifica, analizziamo le altre. Uno sbarco in campionato con un nuovo costruttore sembrerebbe impossibile per un team fortemente legato a Ford, però c’è anche da considerare che la casa dell’ovale blu cesserà la produzione nelle fabbriche australiane a fine 2016 e non si sa quale sarà il suo futuro nel campionato. La terza possibilità sembrerebbe quindi al momento la più plausibile, dato anche che circolano voci per cui Penske si “affiancherebbe” a DJR acquisendo 2 REC per portare quindi il DJR/Penske a 4 vetture, sempre che Penske non decida di comprare in toto DJR andando quindi a far sparire (come successo allo Stone Brothers Racing con l’acquisizione da parte di Erebus) o, nella migliore delle ipotesi, ridimensionare un nome storico del campionato (come successo con il Garry Rogers Motorsport). Ne sapremo comunque di più dopo la Indianapolis 500 che si terrà tra circa un mese. Infatti, come dichiarato da Roger Penske in persona, la decisione finale se approdare in campionato ed eventualmente in quale forma verrà annunciata solo dopo lo svolgimento della grande classica sul catino dell’Indiana.

Australian V8 SupercarsDall’altra parte dell’oceano intanto si parla del ritorno di un team neozelandese nel V8 Supercars. Dopo l’uscita dal campionato di Team Kiwi Racing nel 2009 infatti, le uniche presenze in campionato provenienti dalla Nuova Zelanda sono state a livello di piloti, con quest’anno Scott McLaughlin, Fabian Coulthard e Shane Van Gisbergen impegnati a tempo pieno e Greg Murphy che parteciperà alla Pirtek Enduro Cup con HRT. Notato l’afflusso di pubblico alla ITM 500 Auckland dello scorso weekend sul circuito di Pukekohe, si è quindi tornato a parlare di un team neozelandese in campionato. Tale possibilità si starebbe comunque già concretizzando, con l’interesse di Super Black Racing ad approdare in campionato. L’operazione sarebbe capitanata addirittura da Paul Radisich, che avrebbe già preso contatti con il V8 Supercars per l’acquisizione di, sembrerebbe, 2 REC ed il team punta ad essere in pista già dal prossimo campionato. Ancora non si hanno informazioni su quali vetture verranno eventualmente utilizzati dal team ed al momento non si hanno altre informazioni sull’operazione. Ulteriori notizie sono attese comunque nei prossimi mesi.

Tim-Macrow-Gallagher-Motorsport-344x223Ultimo tra i team interessati ad un ingresso in V8 Supercars di cui si hanno informazioni certe è Gallagher Motorsport. Questo team, che ha debuttato in Dunlop Series a Winton, starebbe valutando un futuro ingresso nel campionato “principale”, anche se è certo che non sarà già dal prossimo anno. A Winton il team capitanato dal magnate australiano Tony Klien ha schierato una Holden ex-PWR per il debuttante Tim Macrow, ma nei piani del team ci sono già l’acquisizione di altre 4 vetture: una Holden ex-GRM portata in pista lo scorso anno dal Minda Motorsport, una vettura utilizzata da GRM come “ride car” e 2 vetture nelle specifiche Car of the Future. In particolare, le ultime 2 dovrebbero essere delle Volvo S60 realizzate sempre da GRM, che nei piani del team dovrebbero venire utilizzate inizialmente per dei test e poi, in un futuro non troppo lontano, essere schierate in pista nel V8 Supercars, andandosi ad inserire in un percorso formativo per giovani piloti realizzato dalla struttura racing messa in piedi da Klien, che partirebbe dalla Formula Ford per arrivare, appunto, fino al V8 Supercars.

Tekno-Autosports-Pukekohe-344x229Infine, sul fronte dei team già presenti in campionato la situazione è al momento ferma. Ovviamente i team sono molto più concentrati sulla stagione in corso, ma pare che comunque non ci saranno grossi cambiamenti nelle varie formazioni e che quindi il prossimo anno non ci saranno altri balletti di REC da un team all’altro, come visto nel corso dello scorso inverno. Anche Tekno Autosport, che quest’anno schiera una sola vettura affidata a Van Gisbergen, ha annunciato per voce del proprietario/pilota Jonathon Webb che molto probabilmente anche il prossimo anno l’impegno del team sarà con una singola vettura. Negli scorsi mesi, era stato annunciato che l’impegno con una sola vettura sarebbe stato limitato al 2014, per permettere a Webb di assumere una posizione manageriale sostituendo la moglie, che si sarebbe così potuta concentrare sulla sua prossima maternità. Dichiarazione recente dello stesso Webb smentisce quanto detto finora, infatti ora i piani del team si sono spostati sul concentrarsi su una singola vettura e potersi quindi dedicare anche al far diventare Tekno una struttura appetibile per gli sponsor, andando quindi a rendere più solide le basi finanziare del team prima di ritornare all’impegno con 2 vetture in campionato. In questa ottica più commerciale rientra quindi anche l’annuncio fatto nell’appena trascorso weekend neozelandese di un accordo pluriennale con l’americana Lucas Oil, il cui logo era già dalle gare neozelandesi in bella mostra sulla giallo/nera V.I.P. Petfoods numero 97.