Notizie V8 Supercars: Courtney salta Sydney, Percat a tempo pieno nel 2014 ed altro

James Courtney salta il finale di Sydney. In seguito all’incidente avuto col francese Alex Premat a Phillip Island, James Courtney dell’Holden Racing Team salterà il round finale della stagione. Nonostante sia già stato annunciato che sarà a presente a Sydney, la presenza del pilota infatti sarà solo come sostegno al team nel round finale della stagione. Il lunedì dopo l’incidente di Phillip Island il pilota si è sottoposto ad esami medici e quello che inizialmente era stato valutato come semplice dolore alla gamba destra dovuto all’impatto si è invece rivelato qualcosa di più grave: a Courtney infatti sono stati riscontrati la frattura della tibia ed una lacerazione al quadricipite femorale destro. Non essendo quindi in condizione di poter guidare, la vettura numero 22 sarà affidata a Nick Percat, pilota titolare nella Development Series e copilota al fianco di Garth Tander nelle gare endurance V8 Supercars dal 2010.

tanderpercatPercat a tempo pieno nel 2014. Continuando a parlare di Nick Percat, è stato annunciato dal Walkinshaw Racing (struttura che gestisce Holden Racing Team e Supercheap Auto Racing in V8 Supercars e per cui Percat corre nella Development Series) che nel 2014 verrà schierata una quarta vettura per il venticinquenne pilota di Adelaide. Percat andrà quindi ad affiancare i già confermati James Courtney, Garth Tander (con cui ha vinto la Supercheap Auto Bathurst 1000 nel 2011) e Tim Slade, quest’ultimo attualmente impegnato in campionato con Erebus Mercedes e che il prossimo anno andrà a sostituire Russell Ingall, che ha già annunciato da tempo il ritiro a fine stagione, al Supercheap Auto Racing.

sydneynmra500Annunciato lo sponsor della Sydney 500. NRMA Motoring and Services ha acquistato i diritti per la sponsorizzazione del round finale della stagione 2013, che ora ha quindi la denominazione di Sydney NMRA Motoring and Services 500. NRMA Motoring and Services è un’associazione paragonabile alla nostra ACI e che conta in Australia oltre 2.410.000 iscritti, risultando quindi una delle maggiori associazioni per numero di iscritti di tutta la nazione. La Sydney NMRA Motoring and Services 500 si terrà nel weekend 6-8 Dicembre, con la gara da 250km del Sabato che si terrà al calare del sole con partenza alle 17:10 (ora locale). Nel dettaglio, nella giornata del Venerdì si terranno 4 sessioni di prove libere, con inizio rispettivamente alle 9:50 (le 23:50 del Giovedì in Italia), 11:55 (1:55), 13:10 (3:10) e 14:50 (4:50). Il programma del Sabato invece prevede una sessione di qualifica per Gara 35, la prima del weekend, alle 11:55 (1:55 in Italia) seguita dal Top 10 Shootout, la qualifica su giro secco per i migliori 10 delle qualifiche “regolari”, alle 14:05 (4:05) e come già detto il via di Gara 35 alle 17:10 (7:10). Per la Domenica infine, qualifiche per stabilire la griglia di partenza di Gara 36 alle 12:40 (2:40 in Italia), con il via dell’ultima gara della stagione previsto per le 15:05 (5:05).

L’ingegnere di pista di Mark Winterbottom passa alla NASCAR. James Small, ingegnere di pista di Mark Winterbottom al Ford Performance Racing, farà il prossimo il grande salto per passare alla NASCAR, dove lavorerà al Richard Childress Racing. Small, 30 anni, è stato quest’anno l’ingegnere di pista della vettura numero 5 ed è stato questo il suo secondo anno in FPR, dopo aver seguito l’anno scorso la vettura numero 55 di David Reynolds, ed aver precedentemente lavorato per Kelly Racing e Garry Rogers Motorsport, con cui ha esordito nel campionato V8 Supercars nel 2007. Small è considerato da molti uno dei più talentuosi ingegneri del campionato ed ha sviluppato sin da piccolo un amore particolare per gli ovali, avendo assistito sin dall’infanzia a molte delle gare tenutesi al Thunderdome di Calder Park. Dopo il round di Austin di quest’anno, aveva fatto visita al Richard Childress Racing a Charlotte, consegnando al team il proprio curriculum e facendo da subito una buona impressione. Small ricoprirà in RCR il ruolo di secondo ingegnere di pista, non è stato però ancora comunicato di quale vettura del team si occuperà.

dalbertoalfagommaD’Alberto a Sydney con la bandiera italiana sulla sua vettura. Tony d’Alberto correrà a Sydney con la bandiera italiana sulle proprie fiancate. Sulla vettura numero 3 sarà presente, al posto di HiFlex con cui ha corso finora il campionato, il logo dell’azienda Alfagomma e per celebrare quindi le origini italiane sia di d’Alberto che dell’azienda proprietaria di HiFlex, la Holden Commodore del d’Alberto Racing avrà sulle proprie fiancate il tricolore italiano sovrastato appunto dal logo Alfagomma. Questo sarà anche il modo scelto dal team per salutare il gruppo Alfagomma ed HiFlex, dato che quello di Sidney sarà l’ultimo evento per l’accoppiata. Infatti, come vi avevamo già comunicato con questa notizia, a fine anno si concluderà la sponsorizzazione HiFlex sulla vettura del d’Alberto Racing. Il team ha ribadito, in occasione dell’annuncio di questo cambio di livrea per l’ultimo evento dell’anno, che sono ancora in corso trattative per la sponsorizzazione del prossimo anno e che l’annuncio del nome che apparirà sulle fiancate dell’auto numero 3 nel 2014 verrà fatto prossimamente.

Volvo testerà l’aerodinamica della S60 con un motore Holden. Il Garry Rogers Motorsport ha annunciato che durante la settimana successiva alla Sydney 500 testerà l’aerodinamica della Volvo S60, che porterà al debutto in campionato il prossimo anno, con una motorizzazione non Volvo. La decisione è stata presa in quanto la motorizzazione realizzata in Svezia da Volvo non è ancora pronta: è stato effettuato un test nel corso della settimana appena trascorsa al banco dinamico, ma ovviamente non è ancora stata spedita alla volta dell’Australia e non è quindi ancora stata nemmeno sottoposta ai test di omologazione V8 Supercars. Per poter avere una prima valutazione sull’aerodinamica della S60, la cui carrozzeria è invece realizzata direttamente da GRM nel proprio workshop di Melbourne, il team ha quindi deciso di realizzare questo test che si terrà su una pista aeroportuale (non ancora annunciata la località) con quello che ufficialmente è stato definito un “motore V8 Supercars”. Avendo la certezza che non si tratterà di una motorizzazione Volvo, è più che lecito pensare che il team utilizzerà uno dei propri motori Holden utilizzati nel corso di questa stagione.