V8 Supercars: ad Auckland Winterbottom vince di nuovo e si prende la testa della classifica

20140426_125135__65O7759

Continua il ricco weekend in terra neozelandese del V8 Supercars. Il programma di questa notte ci ha offerto la seconda ed ultima sessione di prove libere ed altre 2 gare con le relative sessioni di qualifiche. Vediamo cosa è successo.

[divider]
[space height=20]

Prove libere

Il più veloce nelle prove libere odierne è stato il pilota locale Scott McLaughlin, che ha portato la sua Volvo S60 in cima alla lista dei tempi con l’unico giro visto finora nel weekend sotto il muro dei 63 secondi. Secondo ha chiuso Jamie Whincup, alla ricerca di maggior fortuna dopo la giornata negativa di ieri, seguito da Chaz Mostert e dal compagno di squadra Craig Lowndes. Quinto ha chiuso James Courtney, davanti a Shane Van Gisbergen e Fabian Coulthard, con a seguire le migliori Nissan e Mercedes, rispettivamente quelle di James Moffat e Lee Holdsworth, con il giovane Scott Pye a chiudere la Top10, seguito a breve distanza da Will Davison con la seconda Erebus. Da notare anche in questa sessione una lista dei tempi “compatta”, con il distacco tra McLaughlin e Dale Wood, ventiquattresimo ed ultimo, di meno di un secondo.

Classifica completa seconda sessione di prove libere

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Qualifiche

Nella sessione di qualifiche da 10 minuti, valida per la griglia di schieramento di Gara 11, a conquistare la pole è stato James Courtney, su Commodore dell’Holden Racing Team presente in pista questo weekend con una livrea speciale per celebrare l’ANZAC Day. Prima fila interamente conquistata dai factory team, con Mark Winterbottom e la sua Falcon FPR in seconda posizione, seguito da Scott McLaughlin (che verrà poi penalizzato di 2 posizioni in griglia per aver ostacolato Jamie Whincup), Chaz Mostert, Jamie Whincup, Nick Percat, Shane Van Gisbergen, Jason Bright, Todd Kelly (migliore tra i piloti Nissan) e Tim Slade a chiudere la Top 10. Solamente quindicesimo Craig Lowndes, seguito dalle 2 Erebus Mercedes di Will Davison e Lee Holdsworth.

Nelle qualifiche di Gara 12 invece la pole è stata conquistata da Scott McLaughlin, nonostante per diversi minuti sia stata messa in forse per un’investigazione dei commissari riguardo un contatto in pitlane tra il giovane neozelandese ed il vincitore della gara di ieri Jason Bright. Secondo tempo per Jamie Whincup, davanti a Mark Winterbottom e Shane Van Gisbergen. Terza fila per i compagni di squadra Garth Tander e Nick Percat, davanti a Craig Lowndes e David Reynolds, con le 2 Altima di Todd Kelly e James Moffat a chiudere la Top10. Male in questa qualifica le Mercedes, con Lee Holdsworth ventunesimo e Will Davison ultimo, con l’unico giro cronometrato che è riuscito a compiere di addirittura oltre 4 minuti.

Classifica completa qualifiche Gara 11
Classifica completa qualifiche Gara 12

[divider scroll_text=”SCROLL_TEXT”]
[space height=20]

Gara 11

Seconda vittoria della stagione, nella prima gara odierna, per Mark Winterbottom, scattato meglio dalla prima fila grazie alla partenza sulla parte più pulita della pista. Sul secondo gradino del podio si è issato il poleman James Courtney, mentre sul gradino più basso si è accomodato Chaz Mostert, autore di una gara eccellente che lo ha portato al primo podio con la Falcon FPR. Quarto ha chiuso Jamie Whincup, davanti alla coppia dei piloti “di casa” Van Gisbergen e McLaughlin, con Nick Percat, David Reynolds, Garth Tander e Fabian Coulthard a completare la Top10. Solamente sedicesimo Craig Lowndes, preceduto anche dai migliori tra i piloti Nissan (Todd Kelly, tredicesimo) e Mercedes (Lee Holdsworth, quattordicesimo). Unici momenti movimentati della gara, la lotta tra Jason Bright e Tim Slade, conclusasi col secondo ritirato a causa della rottura della sospensione anteriore sinistra ed il secondo penalizzato con un drive-through, e l’uscita in pista della safety car a causa dello stop all’uscita della pitlane della Volvo di Robert Dahlgren, a causa della rottura del motore. Proprio di questa occasione ne ha approfittato Bright, precipitato in fondo al gruppo, per cambiare gomme e ritrovarsi al restart con gomme più fresche rispetto a tutti gli altri. Questa mossa gli è valsa una rimonta incredibile culminata col dodicesimo posto finale.


[space height=20]

Classifica completa Gara 11

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara 12

Vincitore della seconda gara odierna è stato Shane Van Gisbergen, autore di 2 sorpassi in cui a farne le spese sono stati Whincup e Winterbottom e di una lotta tutta neozelandese per la testa della gara con McLaughlin. Secondo al traguardo Mark Winterbottom, che con il secondo podio di fila agguanta la testa della classifica piloti, davanti all’altro pilota locale Scott McLaughlin. Quarto Jamie Whincup, davanti a Garth Tander, David Reynolds, Nick Percat, James Moffat (migliore del quartetto Nissan), Scott Pye e Craig Lowndes a chiudere la Top 10. Diciassettesima e diciottesima le 2 Erebus, con Holdsworth davanti a Davison. Solamente ventiquattresimo Jason Bright, finito a muro nel corso del primo giro e quindi costretto a rientrare in pitlane con la carrozzeria della propria Commodore danneggiata.

Classifica completa Gara 12

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Ultimi appuntamenti del weekend, sessione di qualifiche da 20 minuti valida per lo schieramento di Gara 13 alle 03:00, con il via di Gara 13 (70 giri pari a 200km) alle ore 05:25.

[divider]
[space height=”20″]

[divider]
[space height=”20″]