V8 Supercars: dopo la leadership in campionato, “Frosty” si prende anche la seconda vittoria ed il Jason Richards Memorial Trophy

20140427_144918__65O9059

Si è concluso nella notte il weekend della ITM 500 Auckland, quarto evento valido per il campionato V8 Supercars 2014 svoltosi sul circuito di Pukekohe. Ad aggiudicarsi la pole per la gara odierna è stato nuovamente Scott McLaughlin, mentre la vittoria è andata a Mark Winterbottom. Con la vittoria odierna “Frosty”, che aveva già agguantato ieri la testa della classifica piloti, si è anche aggiudicato il secondo “Jason Richards Memorial Trophy”. Vediamo nel dettaglio cosa è successo stanotte.

[divider]
[space height=20]

Qualifiche

Come detto, ad ottenere la pole per la gara odierna è stato Scott McLaughlin su Volvo S60, alla sua seconda pole del weekend. Completa la prima fila Tim Slade con la Holden Commodore Supercheap Auto Racing, mentre la seconda fila se la sono aggiudicati Shane Van Gisbergen e Mark Winterbottom. Seguono in terza fila altri 2 piloti FPR, Chaz Mostert e David Reynolds, mentre in quarta troviamo Michael Caruso (migliore tra i piloti Nissan) e Jamie Whincup, mentre chiudono la Top 10 i fratelli Kelly, con Todd davanti a Rick, in quinta fila. Fuori dalla Top 10 per soli 6 centesimi il migliore del duo Erebus, Lee Holdsworth, mentre dobbiamo scendere fino al quindicesimo posto per trovare Craig Lowndes ed al sedicesimo per trovare Will Davison. Un’uscita di pista di Lowndes ad un minuto dal termine della sessione è stata la causa della fine anticipata delle qualifiche, a riprova delle difficoltà patite questo weekend da colui che era arrivato a Pukekohe in testa alla classifica. La sessione di qualifiche è stata comunque serratissima, con tutti i 24 piloti racchiusi in poco più di mezzo secondo. Per l’esattezza, tra McLaughlin e Russell Ingall il distacco è stato di 583 millesimi.

Classifica completa qualifiche Gara 13

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara 13

Come detto, a vincere la gara è stato Mark Winterbottom, che dalla quarta posizione iniziale è arrivato alla vittoria grazie al sorpasso sul compagno di squadra David Reynolds durante il primo stint ed ai 2 sorpassi avvenuti ai box su Shane Van Gisbergen prima e su Scott McLaughlin successivamente. Winterbottom è giunto al traguardo con 7 secondi di vantaggio su McLaughlin, mentre sul gradino più basso del podio si è issato per la seconda volta questo weekend Chaz Mostert. Shane Van Gisbergen, Michael Caruso, Jason Bright, Will Davison, Rick Kelly, Fabian Coulthard e Jamie Whincup completano una Top 10 in cui sono presenti tutti i 5 costruttori presenti in campionato, mentre Craig Lowndes termina il suo weekend nero con solamente un ventesimo posto. In una gara con pochi veri spunti interessanti, segnaliamo i problemi all’acceleratore del secondo in qualifica Tim Slade, costretto alla partenza dai box e relegato al ventunesimo posto finale, il drive-through di Todd Kelly (ultimo al traguardo) per eccesso di velocità in pitlane e la foratura di David Reynolds durante il suo secondo stint, mentre era quarto, che lo ha fatto precipitare fino al diciassettesimo posto finale.

Classifica completa Gara 13

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Dopo il weekend neozelandese, Mark Winterbottom comanda la classifica con 941 punti, ben 107 in più di Craig Lowndes (834) secondo. Fabian Coulthard (824) è terzo a 10 punti da Lowndes, davanti a James Courtney (781), Shane Van Gisbergen (777), Jamie Whincup (775), Scott McLaughlin (651), Jason Bright (592) a pari punti con David Reynolds e chiude la Top 10 Will Davison (572). Migliore dei piloti Nissan è Michael Caruso (540) tredicesimo.

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Prossimo appuntamento nel weekend 16-18 Maggio con la Perth 400, altra gara Super Sprint sul circuito di Barbagallo.

[divider]
[space height=”20″]

[divider]
[space height=”20″]