Salzburign, gara 2: Lopez si impone su Tarquini e Monteiro

383_LOPEZ

Ancora Citroen al Salzbururing. Dopo Muller in gara 1, nella manche del pomeriggio è invece Jose Maria Lopez a conquistare il primo posto a bordo della C-Elysée, non senza però aver faticato le proverbiali 7 camice per raggiungere il gradino più alto del podio. L’argentino ha messo a segno un’altra stupenda rimonta dalla settima piazza, anche se questa volta il doppio ingresso della safety car  ha aiutato non poco la rimonta della Citroen in testa al campionato.

La prima interruzione di gara è avvenuta subito dopo il via, in seguito alle due carambole che hanno coinvolto Muller, Huff e Thompson prima, e Chilton e Borkovic poi. L’alsaziano vincitore di  gara 1 allo start ha messo due ruote sull’erba e nel rientrare in pista ha provocato un busco scarto di Thompson verso l’interno della pista. Purtroppo al fianco dell’inglese della Lada c’era il compagno Huff, incolpevole protagonista del botto che coinvolge le tre vetture. Poco più avanti Chilton e Borkovic entrano in contatto alla prima curva e parcheggiano le loro Cruze a bordo strada. Con cinque ritirati nei primi 200 metri e detriti sparsi ovunque, la bandiera rossa è d’obbligo.

Al restart Lopez guadagna posizioni su posizioni fino a mettersi negli scarichi di Tarquini, al comando della gara sin dal primo giro. La seconda safety car, entrata all’undicesimo giro per ripulire la pista dalla ghiaia, permette a Lopez di avvicinarsi definitivamente al Cinghio e preparare l’attacco. Alla ripartenza, l’argentino sul rettilineo opposto ai box prende la scia della Civic e passa Gabriele per la prima posizione. Vince Lopez, ma dietro ci sono ben tre Honda che mettono a segno il miglior risultato stagionale. Tarquini e Monteiro occupano i gradini più bassi del podio, ma una nota di merito va comunque anche a Michelisz, quarto.

Quinta posizione per Tom Coronel, ancora una volta primo delle Chevrolet, che precede un ottimo Morbidelli, che ha saputo piegare la resistenza della Citroen di Loeb, settimo. Bennani, Munnich e Kovlovskiy, con l’ultima delle Lada superstiti, chiudono la top ten.

In TC2 ancora un successo di Franz Engstler, che precede come in gara 1 Filippi e Di Sabatino, podio fotocopia della prima manche.

Massimiliano Palumbo