Touring Weekly: Giulietta TCR in pista, Citroen lascia il WTCC e…

Torna l’appuntamento settimanale sul turismo da corsa firmato Motorsport Rants. Vediamo cosa è successo negli ultimi sette giorni nel rugby dell’automobilismo sportivo…

2015_photo_news_323_d50e0d5baebcc57754761fb743cdfab7

La Giulietta TCR finalmente in pista

Era attesa al debutto a Macao, ma, probabilmente saggiamente, Mario Ferraris ha preferito posticipare il debutto in gara e puntare sullo sviluppo. La nuova Alfa Romeo Giulietta TCR, sviluppata e costruita dalla Romeo Ferraris di Milano, ha saggiato per la prima volta i cordoli di una pista negli scorsi giorni a Cremona, sulla pista di San Martino del Lago. Non si è cercato il tempo, ma che tutto funzionasse a dovere. Bisognava fondamentalmente appurare che tutti i bulloni restassero al loro posto. Al volante Michela Cerruti, che con Ferraris ha un rapporto speciale, e Salvatore Tavano, che ai bei ed eroici tempi, faceva parte dello Junior Team ufficiale Alfa Romeo nell’europeo turismo con la 156. I test proseguiranno nei prossimi giorni, sempre a Cremona. L’obiettivo dell’atelier milanese è di essere pronti per il 2016 con una decina di vetture in giro per il mondo. Vedremo. E speriamo…

 

Citroen ha deciso: ciao ciao WTCC

_MG_8448-1024x683Veni, vidi, vici, salutai. La Citroen ha scelto cosa fare nei prossimi anni. E non è il WTCC. Il Double Chevron ha deciso di abbandonare al termine del 2016 il mondiale turismo per poi impegnarsi anima, corpo e budget nel nuovo WRC. Saran contenti in Volvo, appena arrivati, che non sono più il quarto marchio, ma nuovamente il terzo. Esattamente come ora. Gli effetti di questa decisione si vedranno già dal prossimo anno, quando sulle C-Elysèe ufficiali ci saranno solo Lopez e Muller, con il brand-ambassador Loeb ‘silurato’ e destinato alla Dakar e, probabilmente, a qualche altro progetto. L’extraterrestre si è detto sorpreso di non rientrare nei piani futuri. Almeno da pilota, perchè da team manager farà ancora parte del gruppo dato che il suo team SLR gestirà ancora una o più C-Elysèe private. Di sicuro una per Bennani, forse una anche per lui? La cosa buffa è che, forse, l’addio di Citroen era un po’ sperato da tutti. Le berline francesi hanno un ‘ucciso’ il campionato negli ultimi due anni, imprendibili per chiunque, dando un so che di ‘scontato’ alle gare. Forse, senza, il campionato potrà essere più livellato. Brutto da dire, orribile da pensare, ma…. Vedremo. Anche perchè il WTCC ha bisogno di una smossa: il TCR sta crescendo manco facesse colazione con gli ormoni.

 

TCR 2016: Engstler si assicura Davit Kajaia

2015_photo_news_321_b51cbdc36418dc15a7d31d0cd4e227dfIl Liqui Moly Team Engstler è probabilmente il primo team a mettere nero su bianco parte della sua line-up 2016. Il team di patron Franz si è assicurato i servigi del georgiano Davit Kajaia, campione 2015 dell’ETCC in classe TC2T con un BMW 320TC del team tedesco. Promosso in casa, va. Il 31enne dell’est europa ha un discreto palmares in ambito nazionale, dove ha vinto la bellezza di sei titoli nelle serie slalom e Legends,. Inoltre, Kajaia può vantare i titoli 2012, 2013 e 2014 del Legends European Cup. Se saranno abbastanza per essere protagonista con la Golf del team Engstler nel mondiale TCR 2016 lo vedremo tra un po’.

 

TCR 2016: Oriola, Target e Opel insieme nella prossima stagione?

12108931_426361444229987_1394309673505464032_n (1)La notizia è succosa e interessante. La Target Competition, che quest’anno ha vinto il titolo piloti con Comini ed si è aggiudicata anche la classifica squadre, ha deciso: dal prossimo anno si cambia auto. Decisione ‘strana’, la squadra ha vinto tutto con la SEAT e con le Leon è protagonista da tempo nell’Eurocup, ma necessaria, “con gli spagnoli non siamo riusciti ad avere un contatto diretto“. La necessità di cercare una collaborazione più diretta con una Casa Madre ha portato gli uomini di Andreas Gummerer a scegliere una, probabilmente più, Opel Astra ed essere quindi uno dei primissimi team a poter avere una tedesca a inizio anno? Per chi? Bella domanda, supponiamo, e speriamo, Stefano Comini, campione in carica, ma rumors vorrebbero anche il nome di Pepe Oriola, vice-campione in carica e fierissimo rivale proprio del ticinese. Lo spagnolo ha detto di essersi trovato benissimo con il team Lukoil, ma al momento non ha ancora deciso, vuole poter valutare tante proposte diverse…

 

Il TCR Italia sarà il CIT e avrà la TCS

Lo ammetto, avrei voluto mettere qualche altra sigla ma al momento non ne avevamo! 😉 Scherzi a parte, negli scorsi giorni è stato presentato ufficialmente il Campionato Italiano Turismo, versione 2016. Perde la denominazione Endurance di CITE, e guadagna due gare da 25 minuti più un giro. Due le classi principali, la TCR, che fa riferimento al regolamento della serie di Lotti, e il TCS, diviso in quattro gruppi, che punta a essere una sorta di piccolo CIVT. Vetture di serie o quasi, quattro classi – 1.4, 1.6, 1.8, 2.0 tutte turbo benzina – per le vetture costruite dal primo gennaio 2012 in poi e preparate secondo un regolamento simil Gruppo N.  I costi dovrebbero essere almeno la metà di quanto richiesto per una stagione in TCR. Per le info tecniche dettagliate potete guardare qui:  http://goo.gl/z7YMiP.

Intanto, è stato diramato anche il calendario, quale gara seguirete? Chi ci sarà? Bella domanda! Con Jas che costruisce le Honda, Top Run le Subaru, Romeo Ferraris le Giulietta e un altro paio di strutture del belpaese che potrebbero arrivare, possiamo ipotizzare che almeno loro utilizzeranno le nostre gare come test. In ogni caso, per ora il primo team a ufficializzare l’arrivo è il team BRC, che sarà al via con tre Leon. SEAT Sport Italia sarà di nuovo al via per difendere il titolo conquistato con Valentina Albanese?

17 aprile – Vallelunga
21 maggio – Monza
12 giugno – Misano
3 luglio – Magione
17 luglio – Mugello
25 settembre – Imola
9 ottobre – Adria

 

Sam Dejonghe e Denis Dupont sono i due vincitori del contest RACB

2015_photo_news_300_181c9585874ddab5a386a9793e37ad78Erano 565, ne sono rimasti 32 ma hanno vinto in due. Sam Dejonghe e Denis Dupont sono i due vincitori dello strano contest voluto dal RACB, che ha messo in palio una stagione nel TCR Benelux con una SEAT Leon. 24 e 22 anni, i due giovani ragazzi sono risultati i più veloci in pista nella finalissima tenuta sul circuito Jules Tacheny di Mettet, dove i tre giudici Marc Duez (direttore di gara TCR ed ex pilota dall’esperienza vastissima), Bas Leinders (pilota) e Geoffroy Theunis (rappresentante del RACB) hanno fatto sfidare gli 8 migliori driver della selezione.

 

Massimiliano Palumbo