Touring Weekly: il WTCC cambia e sfida il TCR

Torna l’appuntamento settimanale sul turismo da corsa firmato Motorsport Rants. Vediamo cosa è successo negli ultimi sette giorni nel rugby dell’automobilismo sportivo… Data la mole di news, per questa settimana il vostro appuntamento sul turismo sarà scisso in due: TCR e WTCC.

Continuiamo con il mondiale turismo.

TCR annuncia, WTCC risponde. Nell’ultimo consiglio mondiale, la FIA ha ufficializzato tutte le novità 2016 del mondiale turismo: calendario, nuovo format di gare, MAC3 e montepremi per i privati rivisto. E intanto si muove il mercato…

WTCC-MAC3-Citroen-800x533

MAC3

Partiamo dal MAC3 (leggi qui per capire cos’è), che non è sponsorizzato da Gilette e sarà ‘obbligatorio’ per tutti i Costruttori che vorrano partecipare al campionato a loro dedicato. E qui già partiamo male. I costruttori presenti ufficialmente saranno Citroen, Honda, Lada e Volvo, più Chevrolet-RML. Il marchio americano, come già quest’anno, non dovrebbe far parte della combriccola, in quando rappresentato in via privata dalla RML di Ray Mallock, ma anche la Volvo potrebbe essere esclusa. Gli svedesi si schiereranno per tutto – o buona parte – del 2016 con due vetture, mentre per il MAC3 ne servirebbero 3. Delle due l’una, o lo stupendo WTCC promosso da Riberio rivede al ribasso la cifra o la Volvo per il primo anno fa l’esclusa della situazione. Volemose tanto bene.

 

Format di gara: arrivano Opening Race, Main Race 

03715015_369-1024x683Cambia anche il format delle gare, o meglio la definizione. Via ‘Gara 1’ e ‘Gara 2’, dentro ‘Opening Race’ e ‘Main Race’. Le gare dovrebbero avere la stessa valenza per quanto riguarda i punti, con la Main Race che durerà solitamente un giro in più, ad esclusione della tappa in Germania, ovviamente. Quello che cambia tanto sono le griglie. Quella invertita viene spostata alla prima manche e rispecchierà quella del Q2, con i primi 10 ruotati, mentre la seconda gara partirà con le posizioni conquistate normalmente in qualifica (Q1, Q2 e Q3) e sarà considerata come ‘LA’ gara del weekend.

 

Raddoppiato il montepremi per i privati e arrivano le zavorre anti-Citroen

Per cercare di arginare la fuga dei privati verso il TCR, il WTCC ha deciso di innalzare – leggi raddoppiare – a 500 mila euro il montepremi complessivo del Trofeo Indipendenti, che il prossimo anno rischia di perdere sia il Craft-Bamboo che la ROAL. Proprio per questo, l’equipe di Riberio è al lavoro per cercare di venire incontro ai team privati anche con altre iniziative, mentre è già stato deciso che nei round extra-europei il weekend di gara sarà articolato su due giorni: prove libere al sabato, qualifiche, MAC3 e gare alla domenica.

Con l’obiettivo di aumentare lo spettacolo, o di rallentare le Citroen che dir si voglia, la zavorra massima sale da 60 a 80 kg, tra i mugugni dei francesi.

 

Il calendario

03715015_1347-1024x540Per quanto riguarda il calendario, è stato sostanzialmente confermato quello 2015, con alcune variazioni di date. Si dovrebbe inziare in Russia, con Sochi che prende il posto del Moscow Raceway, e finire di nuovo sotto l’illuminato, artificialmente, impianto di Losail in Qatar. Confermata la gara clou sulla Nordschleife, con due manche da tre giri, e anche quella in Marocco, con il tracciato di Marrakech che utilizzerà un nuovo layout.

Quindi, ricapitolando

20 marzo – Sochi (Russia), soggetta ad approvazione
3 aprile – Paul Ricard (Francia)
17 aprile – Slovakiaring (Slovacchia)
24 aprile – Hungaroring (Ungheria)
8 maggio – Marrakech (Marocco)
29 maggio – Nürburgring (Germania)
12 giugno – Vila Real (Portogallo)
7 agosto – Termas de Río Hondo (Argentina)
4 settembre – Motegi (Giappone)
25 settembre – Shanghai (Cina)
6 novembre – Buriram (Thailandia)
25 novembre – Losail (Qatar)

 

Mercato: Tarquini aspetta, Demoustier da Loeb, torna la Nika, ROAL e Bamboo in dubbio

03715016_0235-1024x683I primi colpi di mercato 2016 li mette a segno il silurato Loeb, che dopo aver confermato Mehdi Bennani, accoglie del nel suo Sébastien Loeb Racing il 24enne francese Grégoire Demoustier e potrebbe schierare anche un terza C-Elysèe. Demoustier ha corso in questa stagione con la Cruze del Craft-Bamboo, team che potrebbe abbandonare (di nuovo) la serie dopo un solo anno. Sicuramente assente nel 2016 sarà il Proteam, la cui Cruze TC1 è in vendita, mentre rischia grosso la ROAL. Voci di mercato vogliono Tom Coronel vicino all’accordo con Munnich e anche Chilton sembra pronto a cambiare casacca. Un’autentica beffa per il team campione tra i privati 2015. Così, Ravaglia sta seriamente pensando di abbandonare il mondiale turismo. Chi dovrebbe tornare è la Nika Racing con la sua Honda Civic, che quest’anno ha salutato la compagnia a metà stagione quando Rydell è stato costretto a fermarsi per motivi di salute e di budget.

In stand by Gabriele Tarquini, migliore dei pilota Honda 2015. Il Cinghio ha chiuso la stagione quarto nella classifica generale, o primo dei non Citroen che dir si voglia. Sicuramente il pilota più concreto tra quelli dotati di Civic, anche se quest’anno, dopo una fila consecutiva di 10 stagioni, gli è mancata la vittoria in gara. Gabriele vorrebbe continare, Honda, che vorrebbe promuovere Michelisz e tenersi Zengo, che fa?

 

 La Volvo sceglie Vallelunga per i test

wtcc-polestar-201524588_2

Continuano i test della S60 TC1 in vista del debutto nella prossima stagione. Volvo ha scelto nelle scorse settimane Vallelunga per continuare i suoi test con i tre piloti della casa Thed Bjork, Robert Dahlgren e Fredrik Ekblom. Nel 2016 saranno due le S60 in pista, a breve dovrebbero essere annunciati i piloti.

Massimiliano Palumbo