Touring Weekly: presentato il TCR Italia (photogallery) e le ultime dal mondiale

Torna l’appuntamento settimanale sul turismo da corsa firmato Motorsport Rants. Vediamo cosa è successo negli ultimi sette giorni nel rugby dell’automobilismo sportivo…

2016-01-23 09.40.22

Presentato il Campionato Italiano Turismo: l’interesse c’è

E’ stato presentato sabato mattina all’Autodromo di Monza il rinnovato Campionato Italiano Turismo, versione tricolore del TCR, uno dei pochissimi che non utilizzerà l’ormai arcinoto brand di Lotti nel nome. In una sala stampa gremita di team e qualche pilota, Roberto Marazzi e Ciro Sessa di Aci Sport hanno chiarito le guide linea del campionato, provando a fare chiarezza anche sulla classe di supporto, la TCS.

Presenti i rappresentanti di SEAT (SEAT Motorsport Italia), Subaru (Top Run), Alfa Romeo (Ferraris), Honda (Jas), Vw-Audi (Audi Sport Italia) e un nugolo di team manager per lo più interessati a schierare le Leon Cup Racer, non è ben chiaro se in versione DSG o sequenziale 2016. Stando alle stime, dovrebbero essere al via 7\8 SEAT, almeno un paio di Civic, 1 Giulietta, 1 Impreza e probabilmente, ipotizziamo noi, una Golf schierata da Radaelli. Circa 12 TCR più o meno fisse, quindi, anche se allo stato attuale, di concreto c’è ben poco.

Discreto l’interesse anche per la nuova classe di supporto TCS, che dovrebbe vedere al via le Civic preparate dalla JAS e schierate dalla Vaccari Motori (una per Giudici jr?), le Vw Polo della Abruzzo Motorsport, qualche SEAT Ibiza di Seat Sport Italia, le Peugeot 308 della 2T & Course (che schiererà, extra classifica, anche la Citroen C3 Max ex CITE) mentre la Tecnodom di Giacon dovrebbe presentarsi con l’Alfa Mito per il piccolo di casa Kevin e, pare, anche con qualche 500x. Un’altra decina di vetture che potrebbero portare il totale stabile della serie intorno alle 20 unità. A onor del vero, era presente anche la Giulietta VLN della Scuderia Giudici, che vorrebbe schierarla in TCS, categoria 1.8. Vedremo.

Il problema è che alle belle intenzioni, al momento – ma siamo a gennaio ed in fondo è anche normale – non corrispondano altrettanti contratti e firme da parte dei piloti. Ad oggi possiamo immaginare Jonathan Giacon sulla Leon TCR e il fratello Kevin sulla Mito del team di casa, Massimiliano Fissore sulla SEAT della BRC, Massimo Arduini sulla Peugeot TCS, Giudici sulla Civic TCS e poco altro. Tanti i piloti chiacchierati, qualcuno, come Gian Maria Gabbiani, presente alla presentazione ed altri, come Roberto Colgiago, che rumors vogliono al via con una certa sicurezza. Vedremo più avanti come evolverà la situazione.

Il fatto che la prima data del campionato sia slittata di un mese, da Vallelunga in Aprile a Maggio a Monza in concomitanza con il mondiale TCR, però, fa ipotizzare che si sia un po’ tutti in affanno. La tappa del Mugello, inoltre, varrà come tappa italiana del campionato europeo.

Noi c’eravamo e abbiamo scattato qualche foto alle vetture esposte. Non sappiamo chi sia la più veloce, ma di sicuro l’Impreza è molto più bella dal vivo che in foto! Ed anche la Giulietta ha riscosso un notevole interesse. Qual è la vostra preferita?

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Nuove regole per il mondiale TCR

In attesa di conoscere i protagonisti della stagione 2016, la creatura di Marcello Lotti ha rifinito le regole per la seconda edizione del mundialito turismo. Si comincia dal peso, diminuito per tutti di 10 kg, che si traduce in 1250 (pilota incluso) per le vetture che montano il cambio di serie (Leon DSG) e 1285 kg per quelle che montano invece un vero cambio sequenziale da corsa (Sadev).

Sempre a proposito di pesi, il BOP potrà affibbiare da +70 a -20 kg alle vetture, quindi rischiando uno scompenso fino a 90kg a parità di cambio, che potrebbero arrivare a 145 kg tra il miglior cambio sequenziale e il peggior di serie, se così si può dire. Inoltre, per bilanciare le prestazioni si potrà agire sull’elettronica delle vetture, mentre altezze e restrittori non potranno variare. Buona idea per tenere bassi i costi, ma se mi appioppi 70kg in macchina, qualche test per capire come bilanciarla servirà…

Sempre a proposito di peso, confermato il Success Ballast per i migliori tre di ogni evento, ‘premiati’ con 30, 20 e 10 kg nel weekend successivo. Ti piace fare il fenomeno? Riprovaci con tre sacchi di cemento nel cofano! 😉

Bandito senza se e senza ma qualsiasi tipo di aiuto elettronico alla guida: niente ABS, niente ESP (stabilità), niente TCS (trazione) e nel dubbio, se qualcuno se lo stesse chiedendo, niente Hill Holder 😛

Per quanto riguarda il format di gara, confermata la qualifica divisa in Q1 e Q2 e le due gare da 60km, con la Race 2 che avrà la griglia invertita per i primi 10 della qualifica. Qualifiche al sabato e gare alla domenica, ma nelle tre concomitanze con la F1 il programma potrà (dovrà?) variare.

Nuovo è invece il “Car Model of the Year”, trofeo riservato al muglior modello in ogni evento, tenendo in considerazione le due best car per marchio in qualifiche e gare.

 

Mercato TCR

La B3, la scuderia che ha già confermato Dusan Borkovic su una SEAT Leon, ha annunciato l’arrivo anche di Mat’o Homola, giovane pilota slovacco due volte vice campione ETCC. Si, un’altro che passa dalla serie europea di Eurosport al mondiale di Lotti. Il WTCC resta inavvicinabile per i più?

Nel frattempo, SEAT Lukoil è alla ricerca nel nuovo Oriola, così come la Honda West Coast è alla ricerca di tre top driver per confermarsi tra i migliori anche quest’anno. Annuncio anche da parte di FRD, che cerca qualcuno disposto a correre (?) sulla Focus.

Link originale: http://on.fb.me/20r5W3r
Link originale: http://on.fb.me/20r5W3r

 

Proseguono i test sulla Giulietta, che potrebbe essere schierata anche nel mondiale

Con l’inizio del mondiale fissato a inizio a aprile e quello dell’italiano un mese e mezzo più tardi, prosegue frenetica l’attività di test dei vari team, intenti a sviluppare fino all’ultimo secondo le vetture. Uno di questi è Romeo Ferraris, che scenderà di nuovo in pista il 30 e 31 gennaio al Mugello, presumibilmente sempre con Michela Cerruti e Salvatore Tavano, oltre, eventualemnte, a qualche cliente interessato a correre con la vettura di Arese. Rumors, tra l’altro, vogliono almeno due, ma si lavora per tre, Giulietta nel mondiale.

 

WTCC, la ROAL potrebbe schierare una sola Cruze. Tutte le Chevrolet sono al momento libere…

Secondo i colleghi di OmniCorse, la ROAL sarà al via del WTCC 2016 – e questa è già una buona notizia – con una Cruze per Tom Coronel, che pare vicino alla conferma. L’olandese, che sta anche trattando comunque anche con Munnich, al momento è l’unico pilota sicuro, in modo o nell’altro, di correre con una Chevrolet quest’anno. Tutti i team crociati, infatti, al momento brancolano ancora nel buio: quale pilota spenderebbe cifre che permetterebbero di fare il protagonista in TCR per fare la comparsa nel WTCC? Un problema a cui Eurosport Events forse dovrà trovare una soluzione…

Rimanendo in casa Chevrolet, c’è un dato interessante, Chilton – sempre più vicino alla terza Citroen SLR – e Demoustier, già accasato da Loeb, sono anche proprietari delle Cruze con cui hanno corso fin’ora. Se passano alle Citroen, che ne sarà delle loro Chevy?

Massimiliano Palumbo