Categorie
WTCC

WTCC 2014, inizia l’era delle TC1

Macau-GP-2013-Vol.-6-newsimage-WTCC-2

Il mondiale turismo aveva salutato la compagnia lo scorso anno a Macao con il (quasi) record di 34 S2000 schierate al via della gara sul circuito più difficile della stagione. Un patrimonio di vetture inimitabile sulla scena internazionale che si è deciso di accantonare per dare spazio alle nuovissime TC1.

Vetture più potenti, dal look più accattivante e complessivamente più “racing”. Niente più stretta derivazione dal modello di serie, ma una sorta di mini DTM, con più possibilità da parte degli ingegneri di Citroen, Honda, Lada ed RML di poter intervenire e correggere i difetti delle vetture stradali.

[divider scroll_text=”Citroen”]
[space height=20]

Citroen_(9819942474)

Il nuovo regolamento del WTCC ha portato con sé anche l’arrivo in forze di un nuovo costruttore, la Citroen, che si presenta a Marrakech con un’ottima formazione di piloti. Yvan Muller, 4 volte campione del mondo turismo, sarà l’uomo di punta del team, il pilota faro che sopratutto nelle prime gare guiderà l’armata francese in questa nuova (per Citroen) avventura. Il transalpino sarà da chioccia alla superstar del team, quel Seb Loeb 9 volte campione del mondo rally. Il pilota di Haguenau viene da un 2013 decisamente esaltante, che l’ha portato a vincere su ben tre diversi campi di gara. Lo scorso anno l’extraterrestre ha vinto 2 rally (su quattro partecipazioni) nel mondiale WRC, ha portato a casa la vittoria assoluta alla Pikes Peak disintegrando il precedente record ed ha anche disputato il FIA GT con una McLaren, chiudendo il campionato in quarta posizione finale con 4 vittorie.

Loeb non è propriamente a digiuno di esperienza in pista, lo scorso anno ha appunto partecipato al FIA GT, ma in passato lo si è visto più volte alla 24h di Le Mans e in apparizioni spot di campionati GT. Ha effettuato qualche test con la RedBull F1 e si era allenato con la GP2 per fare il suo debutto, saltato all’ultimo minuto, nella massima serie ad Abu Dhabi nel 2010 al posto di Ricciardo. Una gara una tantum, di pura pubblicità, ma che la dice lunga sulle capacità del francese, che ha messo in bottega anche un secondo posto assoluto a Le Mans nel 2006. SuperSeb sarà però alla prima assoluta nei corpo a corpo, vera essenza delle corse turismo e quasi del tutto assenti nei campionati GT. Da questo punto di vista avrà molto da imparare e la domanda di tutti è: “quante ne prenderà prima di cominciarle a suonare?” Nel frattempo, Loeb è andato a lezione dallo zio Yvan…

Terzo driver dei francesi è l’argentino Jose Maria Lopez, per tutti “Pechito”. Gli appassionato del mondiale turismo si ricorderanno sicuramente di lui lo scorso anno, quando al debutto nel WTCC vinse gara 2 nella sua Rio Hondo a bordo di una BMW del team Engstler. Lopez, che nella sua carriera europea era arrivato fino alle porte della F1, ha subito ben impressionato il paddock, riuscendo a trovare un sedile da ufficiale in Citroen. La Casa della Doppia Spiga schiererà in cinque appuntamenti – Mosca, Spa, Cina, Macao ed una da definire – Ma Qing Hua, il primo pilota cinese che ha partecipato ad un week end ufficiale di F1 prendendo parte ad alcune prove libere del venerdì con HRT e Caterham.

Per budget e forze messe in campo, la Citroen è indicata da tutti come la vettura da battere. La C-Elysée, la berlina che verrà utilizzata in gara, ha cominciato il suo svezzamento già nella scorsa estate, accomulando una moltitudine di test in giro per il mondo. Abu Dhabi, Brasile, Europa… Citroen non ha certo badato a spese per prepararsi al meglio al debutto nel mondiale turismo, con l’obiettivo, neanche tanto celato, di portare il pupillo Loeb alla conquista di un altro campionato.

[divider scroll_text=”Honda”]
[space height=20]

1796528_469620589804806_66073372_n

I rivali più accreditati dei francesi rispondono al nome di Honda e JAS Motorsport. Anche nel 2014, la struttura di Alessandro Mariani sarà il factory team per i giapponesi, costruendo e distribuendo anche le vetture per i team satellite. 4 le Civic che scenderanno in pista, che potrebbero diventare 5 durante la stagione.

Gabriele Tarquini, già campione turismo inglese, europeo e mondiale, sarà ancora il pilota di punta. Dopo un 2013 a corrente alternata a causa dei guai di gioventù della Civic, il Cinghio vorrà sicuramente migliorare la seconda posizione assoluta ottenuta lo scorso anno e battere l’amico-rivale Muller. Sull’altra Honda ufficiale è stato confermato Tiago Monteiro, dopo un 2013 difficile ma concluso in continuo crescendo. Per il portoghese il 2014 si prospetta un po’ come l’anno del riscatto, con la speranza di non incappare nuovamente in un inizio di stagione tremendo, in lotta principalmente coi guai di gioventù della vettura come successo nel 2013, e poter quindi posizionarsi ai piani alti della classifica già dai primi appuntamenti della stagione.

Accanto ai 2 piloti ufficiali, confermato anche per il 2014 Norbert Michelisz sulla terza Civic affidata a Zengo Motorsport, che quindi come il team ufficiale ha pensato bene di affidarsi al detto “squadra che vince non si cambia”. La novità di casa Honda è l’arrivo di una quarta Civic TC1, affidata alla Proteam e che sarà portata in pista dal pilota marocchino Mehdi Bennani. Per il 30enne di Fes il 2014 potrebbe essere l’anno della svolta, trovandosi tra le mani il volante di una delle nuove Civic al posto della datata BMW, con cui comunque Bennani è stato capace di buone prestazioni arrivando in alcune occasioni a podio, senza però mai arrivare alla vittoria.

Si parla poi, nel team ufficiale Honda, di ripetere l’esperienza dello scorso anno schierando una terza Civic ufficiale nelle tappe asiatiche di fine campionato, portando quindi per quelle gare a 5 il numero totale di Honda Civic TC1 presenti in pista. Ovviamente per il momento è ancora presto per parlare del pilota a cui sarà affidata tale vettura e se effettivamente la cosa diventerà reale, lo scopriremo solo col proseguire della stagione.

[divider scroll_text=”Lada”]
[space height=20]

1901578_502277313215799_602975162_n

Per quanto riguarda la Lada, un grosso punto interrogativo sovrasta le vetture russe. La Granta Racer TC1 ha girato ben poco e non si sa quindi come sia messa rispetto alle rivali, anche se con la rivoluzione tecnica delle TC1 in Lada sperano in qualche modo di riuscire ad avvicinare le concorrenti e quindi ottenere risultati migliori rispetto a quelli 2013.

Sul fronte piloti, confermati il giovane russo Mikhail Kozlovskiy (alla sua seconda stagione), che sarà affiancato da una coppia di esperti quali James Thompson (anch’egli confermato) ed il campione WTCC 2012 Rob Huff.

Quest’ultimo si ritrova quindi a cambiare il terzo team in 3 anni, avendo lasciato Chevrolet a fine 2012 col mondiale in tasca per passare alla Seat Leon, messa in pista dal team di Munnich, ed approdare quindi quest’anno in Lada, decisione che potrebbe tra le altre cose mettere a rischio per l’inglese la possibilità di continuare a rivaleggiare con il nostro Edoardo Mortara per la supremazia in quanto a vittorie sul cittadino di Macao (la situazione attuale è ferma a 6 vittorie per entrambi), se anche quest’anno le rosse Granta dovessero rivelarsi vetture da centro/bassa classifica.

[divider scroll_text=”Chevrolet”]
[space height=20]

1901257_841247832555657_242399640_n

In casa Chevrolet, uscito di scena RML che si è trasformato in “costruttore”, le Cruze TC1 saranno affidate ai team ROAL, Campos e Munnich e saranno quindi in 6 al via a Marrakech.

Tra i 3 team Chevrolet, quello che al momento sembra più in forma è il ROAL Motorsport di Roberto Ravaglia. Le 2 Cruze, che hanno presto il posto delle vecchie BMW, saranno affidate a 2 esperti come Tom Coronel e Tom Chilton. Il primo è ormai uno dei veterani del campionato, mentre il secondo ha dalla sua l’aver già corso lo scorso anno con la Cruze. Entrambi hanno già avuto modo di prendere confidenza con la nuova Chevy TC1, con il pilota inglese che ha girato a Valencia ed Adria, mentre l’olandese ha girato solo sulla pista veneta.

L’altro team che è riuscito a portare in pista la Cruze TC1 per testarla è stato Campos Racing, che ha girato a Valencia con Hugo Valente seppur con un programma decisamente ridotto rispetto a ROAL. Per il team quest’anno l’impegno sarà doppio: schiererà infatti le 2 Cruze TC1 per Valente e Dusan Borkovic ed anche le Seat Leon TC2, che a Marrakech saranno 2 e saranno affidate al campione in carica ETCC Petr Fulin ed al pilota corso John Filippi.

Chi arriverà invece completamente impreparato a Marrakech è l’ALL-INKL.com Munnich Motorsport, che ha ricevuto tardi le Cruze TC1 da RML e non ha avuto modo di girare in pista per testare l’auto. Le vetture del team saranno anche in questo caso 2 e saranno affidate al proprietario della squadra René Munnich ed al nostro Gianni Morbidelli, che si trova quindi a tornare nel WTCC (da cui mancava dal 2006, unico anno in cui vi ha partecipato) con una vettura a trazione anteriore dopo diversi anni di Audi a trazione integrale in Superstars. Per il team di Munnich le prime gare saranno un vero e proprio terno al lotto, non avendo il minimo riferimento sulla vettura dato che hanno deciso di passare dalle Seat Leon alle Cruze TC1, e l’unica cosa che potrebbe salvare le nere Chevrolet da figuraccia quasi certa è proprio la presenza di “Morbido” che, seppur ritrovandosi con vetture completamente diverse da quelle a cui era abituato, ha comunque una lunga esperienza con le ruote coperte.

[divider]
[space height=20]

12 gli eventi che comporranno il calendario 2014 WTCC. Il via questo weekend a Marrakech, seguito già la prossima settimana dalla tappa francese sul circuito Paul Ricard. Noi di Motorsport Rants seguiremo per voi il campionato, ad iniziare dalle qualifiche in Marocco, domani alle 13:00, che presenteranno un nuovo format: iniziali 20 minuti (che diventeranno 30 sui circuiti cittadini) di Q1 aperti a tutti, seguiti da 10 minuti (15 sui cittadini) di Q2 riservati ai migliori  12 della Q1, per concludersi poi con una Q3 riservata ai 5 migliori della Q2, in cui si giocheranno la pole sul singolo giro in una sorta di SuperPole, simile a quanto veniva utilizzato anche negli anni ’90 nel SuperTurismo italiano.



Di Massimiliano Palumbo

Innamorato del Motorsport, appassionato di motori, talebano delle corse. Potete contattarmi via mail scrivendo a mpalumbo@motorsportrants.com, tramite Twitter menzionando @Palumbo_Max, oppure sulla pagina "Aforismi da corsa" su Facebook, o ancora su G+ al link qui sotto oppure su Instagram "palumbo_max"