WTCC, Argentina al posto del Brasile quest’anno e nuove regole per il 2014

L’ultimo consiglio mondiale della Fia tenutosi oggi a Goodwood, quello che, per intenderci, tra le nuove regole per la Formula 1 degli anni a venire ha deliberato la patente a punti per i piloti (sic!), ha preso alcune decisioni anche per quanto riguarda il mondiale turismo.

Confermata l’Argentina al posto del Brasile nel calendario di quest’anno, con la gara sul tracciato argentino di Rio Hondo calendarizzata per il 4 agosto. Piccola formalità, ma che non dovrebbe creare problemi, la gara è ancora da confermare perchè il circuito è in attesa dell’omologazione, ma non ci dovrebbero essere problemi in questo senso.

La parte però più interessante riguarda il prossimo anno. Oggi è stati ratificato ufficialmente anche il nuovo regolamento tecnico per il 2014. Nuova veste aerodinamica con ali più grandi che renderà le vetture più aggressive alla vista (new cars will look more spectacular with bigger aerodynamic devices, l’immagine in alto all’articolo dovrebbe chiarire meglio il concetto) e migliori performance in pista assicurate da un miglior rapporto peso\potenza. Per semplificare le cose, la procedura di omologazione sarà simile a quella del mondiale rally 2014, con l’unica differenza che nel WTCC i Costruttori potranno giocarsi due “jolly” tecnici per soluzioni meccaniche particolari.

In ultimo, la notizia più attesa e sicuramente più di buon senso. Le vetture 2013 saranno accettate anche nel 2014. Questo per evitare griglie di partenza con 10 auto e per dare comunque linfa ai privati, non obbligandoli fin da subito a cambiare auto\passare al modello 2014. Come dire, manna dal cielo per chi ha una Cruze, Leon o Serie 3 in garage, tutte vetture che probabilmente non saranno upgradate ai nuovi regolamenti, fatta eccezione forse solo per la Seat. Si correrà così, con ogni probabilità, una sorta un campionato con due categorie, con Honda, Lada e Citroen (Seat?) che si giocheranno la vittoria assoluta, e le vetture attuali impegnate in una sorta di trofeo privati. Dovrebbe essere infatti tangibile la differenza di prestazioni tra vetture vecchie e nuove.

[follow id=”Palumbo_Max” ]