WTCC, gara 1 al Salzburing: Muller domina, Coronel stoico!

050_MULLER
E’ Yvan Muller ad aggiudicarsi gara 1 del Fia WTCC al Salzburing. Il francese di casa Citroen ha dominato la manche fin dal via, dove è scattato dalla prima piazzola in seguito alla penalizzazione rifilata ieri dopo le qualifiche al poleman Morbidelli. L’unico che avrebbe potuto impensierire il francese era il compagno Jose Maria Lopez, scattato come un filmine dalla quarta casella e portatosi già nel corso del primo giro in seconda posizione, dopo aver avuto la meglio su uno stoico Coronel. Verso fine gara, però, “Pechito” ha commesso un errore alla prima chicane mentre stava tentando di chiudere il gap con Muller, un lungo che ha azzerato le sue speranze di vittoria e gli costa la posizione a favore di Coronel.
L’olandese della ROAL è stato autore di una splendida prestazione, terzo al via, con un attacco deciso portiera contro portiera nei confronti di Loeb si guadagna la seconda posizione alla prima curva, anche se deve arrendersi poco dopo all’attacco deciso di Lopez. Coronel però non molla, non riesce a tenere il passo delle due Citroen di testa ma è in posizione per approfittare di qualche problema ai due davanti. Detto fatto, quando Lopez finisce lungo alla prima curva, l’olandese di casa ROAL si riappropria del secondo gradino del podio e non lo molla più: a nulla servono gli attacchi dell’argentino per rimediare all’errore fatto, con grande mestiere questa volta la Cruze chiude tutte le porte in modo deciso. La bandiera a scacchi sancisce così la vittoria di Muller, accompagnato sul podio da un ottimo Coronel e un Lopez che forse avrà qualcosa da recriminare con se stesso.
Quarto Seb Loeb, dopo il side by side con Coronel al via, l’alsaziano si è ritrovato in una quarta posizione da cui non è più riuscito a risalire. Per la verità, esclusa la piccola lotta per il secondo posto, la gara non ha granchè offerto grandi battaglie, con le vetture per lo più in fila indiana senza evidenti possibilità di sopravanzarsi. Gli unici sorpassi che si son visti, infatti, sono stati nella maggior parte dei casi dovuti ad un errore del pilota davanti.
Tiago Monteiro, quinto, ha capitanato così un gruppetto di vetture che hanno corso quasi per tutta la gara insieme senza però grandi emozioni, tutti in attesa di un errore dell’avversario che, nella maggior parte dei casi, non è però arrivato. Così, dietro la Honda del portoghese sono transitati Chilton, Bennani, Tarquini, che nei giri finali ha sopravanzato Michelisz per l’ottava piazza e Morbidelli, autore di un pessimo avvio.

Rob Huff vince la “coppa Lada” precedendo i due compagni Thompson e Kozlovskiy, mentre poco fortuna hanno vunto le due Cruze del team Campos demolite da Valente e Borkovic ieri. Entrambi i driver, infatti, dopo un paio di giri erano già ai box per problemi tecnici, a cui gli uomini di Campos proveranno a rimediare per gara 2.

In TC2 Franz Engstler ha nuovamente battuto la concorrenza di Filippi e Di Sabatino giunti in quest’ordine.

Massimiliano Palumbo