WTCC, qualifiche al Salzburg: Morbidelli uber alles!

14253770685_f4b110d4d9_b

E’ Gianni Morbidelli l’anti Citroen nel WTCC. Il pilota italiano è stato l’unico a riuscire a battere le Citroen in gara e ora si toglie lo sfizio di mettersele tutte dietro anche in qualifica, facendo segnare una strepitosa pole sul veloce circuito del Salzburgring. L’anello austriaco ha dato un boost alle Cruze, risultate molto competitive nelle mani dello stesso Morbido e di Coronel, tanto da permettere ai due migliori piloti Chevrolet di giocarsela alla pari – o quasi – con le imprendibili C-Elysée che stanno dominando il campionato.

L’italiano di casa Munnich aveva già fatto intravedere le proprie potenzialità in Q1 e Q2, ma è stata nell’ultima frazione che ha confezionato il suo capolavoro. Un giro monstre, fatto a pista libera senza usufruire di scia (fondamentali su questo circuito), con tanto di record nel secondo settore in cui ha rifilato ben tre decimi al migliore degli altri. Un giro di valzer chiuso in 1’22″137 imprendibile anche per un Yvan Muller che ha provato il tutto per tutto, ma si è dovuto accontentare di una pur ottima seconda posizione. Le nuove vetture sono risultate decisamente più veloci rispetto allo scorso anno, con la media sul giro che si è alzata dai 178 dello scorso anno agli attuali 185km\h. Un escalation di prestazioni che ha permesso a Gianni Morbidelli di festeggiare la sua prima pole nel WTCC – impresa non riuscitagli con l’Alfa Romeo ufficiale – demolendo i record precedenti, che appartenevano proprio a quel Muller che partirà al suo fianco domani in gara 1.

Ero ottimista il giusto su quello che era possibile fare in Austria, ma ad essere sincero sono un po’ sorpreso che abbiamo finito primi la giornata: nel Q1  e nel Q2 avevo fatto buon uso delle scie per migliorarmi. Questo non lo puoi fare nel Q3: sei solo tu, la tua auto e la pista. E’ per questo che il risultato mi rende encora più felice. Oggi mi godo la mia prima pole position nel WTCC insieme ai ragazzi del mio team Muennich Motorsport. – ha commentato Morbido – Non ci si deve scordare che due curve di questa pista mettono in crisi le gomme, l’anteriore sinistra in particolare. Ecco perché col mio ingegnere di pista Charles Hodge e con tutti i ragazzi del team di Rene Muenneich cercheremo la soluzione per stare sì davanti alle Citroen, ma tenendo d’occhio la resa delle gomme per farle durare fino alla bandiera a scacchi. Quando si sta davanti non pesa lavorare per rimanere primi, ed oggi ci siamo noi…

A testimonianza delle ottime prestazioni delle Chevrolet qui in Austria, dietro la Citroen di Loeb, terzo, si piazza un ottimo Tom Coronel, alla miglior prestazione stagionale. Ancora una Citroen e una Cruze in terza fila, con Lopez che precede Chilton. In difficoltà le Honda, che devono arrendersi ad una cronica mancanza di velocità di punta, fondamentale al Salzburg, che le regola in blocco in quarta e quinta riga, con Monteiro davanti a Bennani, Michelisz e Tarquini. Volendo essere ottimisti, per l’altro lato di questa qualifica difficile è che almeno in gara 2, con l’inversione della griglia, le 4 Civic partiranno dalle prime 2 file, un’opportunità. che se ben giocata, potrebbe seriamente portare alla prima vittoria nipponica in questo 2014.

Continua il periodo difficile in casa Lada, nessuna Granta passa il Q1 e Thompson e Kovlovskiy partiranno dal fondo a causa del cambio del motore sulle loro vetture. Come se non bastasse, a causa della rottura dei sigilli del motore, l’inglese ha anche subito una squalifica reatroattiva che lo elimina dalla classifiche delle ultime due gare. Poco male, non perde nessun punto, solo qualche piazzamento che lo tengono in ogni caso dietro le tre TC2 schierate in tutto il campionato…

Giornata nera nel team Campos, Hugo Valente ha demolito la sua Cruze durante le libere 2: niente qualifica per il francese e meccanici che faranno il possibile per permettergli di partire domani. Sorte di poco migliore per il compagno Borkovic, che invece stampa la sua Chevrolet nelle qualifiche nello stesso punto di Valente. Sarà una lunga giornata per gli uomoni di Campos…

In TC2, a spuntarla è stato ancora una volta Franz Engstler, davanti a Fillippi e al nostro Di Sabatino, che è tornato in pista dopo il crash nelle prime libere.

Massimiliano Palumbo