WTCC, Sonoma, gara 1: la prima di Chilton!

Tom Chilton si aggiudica gara uno della trasferta statunitense del WTCC. L’inglese del team RML ha condotto magistralmente la gara fin dallo start, sfruttando al meglio la partenza dalla pole, e rintuzzando tutti gli attacchi di Tiago Monteiro, che a più riprese si è fatto più che minaccioso. Il portoghese è riuscito a passare Yvan Muller allo start, sfruttando al meglio la lieve toccata che c’è stata tra i due. La Honda sembrava andare forte, più volte il muso della Civic è arrivato a pochi centimetri dagli scarichi della Cruze, ma Chilton è sempre stato bravo a non concedere nessun varco.

Prima vittoria in campionato, dopo la pole di ieri, pienamente meritata per Chilton quindi, seguito per tutta la gara come un’ombra da Monteiro. Terzo è giunto Yvan Muller, sull’altra Chevy RML, molto attento a non fare danni e portare la macchina al traguardo. Il campionato è ormai vicino e un pò di sindrome da braccino comincia a manifestarsi. Il francese comunque non è stato remissivo, ma si è solo tenuto a distanza di sicurezza dal duo di testa. In caso di problemi, lui sarebbe stato in posizione per approfittarne.

Quarta piazza e prima tra gli indipendenti per MacDowall che ha preceduto il compagno Nash, mentre sesto è giunto Tarquini. In una gara decisamente piatta senza grossi colpi di scena o duelli, Tom Coronel è stato uno dei pochi a vivacizzare la corsa, rimontando dall’undicesimo fino al settimo posto. L’olandese di casa Roal è stato come al solito combattivo e aggressivo quanto basta per far assaggiare il paraurti della sua BMW a più di un collega, per la gioia dei fan a casa e dei (pochi) in circuito.

Rob Huff ha fatto quello che ha potuto con la sua Seat Leon in una pista decisamente poco congeniale alla sua vettura, nel finale ha dovuto cedere agli attacchi di Coronel e si è accontentato dell’ottava piazza davanti al compagno di squadra Basseng.

Podium_Race1_Usa4Buona rimonta del nostro Stefano D’Aste che chiude la gara in decima posizione e terzo tra i privati, davanti alla Cruze di Oriola. L’iberico ha perso ben 7 posizioni al primo giro a causa di un lungo nella sabbia alla curva 4, di fatto la sua gara è finita li. Altro scalatore di posizioni è stato Nykjaer, 13esimo alla fine partendo dal fondo, mentre Michelisz, che faceva compagnia allo scandinavo in penultima fila allo start, non è riuscito a far meglio della 22esima posizione. Le Lada non hanno mostrato grandi miglioramenti, anche se Thompson, con molto mestiere, ha raccolto una buona 15esima piazza mentre il compagno Kozlovskyi è giunto solo 21esimo.

 
Massimiliano Palumbo


[button color=”#COLOR_CODE” background=”#COLOR_CODE” size=”large” target=”_blank” src=”http://d1oo2un3qpiryo.cloudfront.net/uploads/files/eventdetail/156/2013_sonoma_r1_provisional.pdf”]Classifica gara 1[/button]