WTCC: troppi danni, Coronel salta il Paul Ricard. Tarquini e Muller con le T-Car

516_CORONEL

Era un pò la paura di molti addetti i lavori: due gare in sette giorni rischiano di far saltare qualcuno, sopratutto se la stagione inizia in un budello di cemento che non perdona come Marrakech. Detto fatto: in seguito ai danni riportati al via di gara 2, Tom Coronel salterà le gare del WTCC questa settimana in Francia.

Troppo lavoro e decisamente poco tempo per gli uomini della ROAL Motorsport per ricostruire la macchina andata seriamente danneggiata nel carambola che ha visto protagonista l’olandese al via della seconda frazione. Domenica le gare in Marocco e venerdi le libere in Francia, in mezzo tre giorni di trasporto. A meno di non voler riparare le auto sulla nave…

Partito dalla pole, Coronel aveva subito chiuso la traiettoria a Bennani che gli partiva di fianco. Il marocchino, però, non ha alzato il piede e ha colpito con il paraurti anteriore quello posteriore della Chevrolet del rivale. Risultato, Coronel in testacoda che rimbalza da un lato all’altro della pista, schiantandosi su entrambi i muri e venendo anche centrato da Muller.

Mehdi probabilmente voleva infiammare il pubblico di casa, ma ha davvero esagerato. Non ho mai provato nulla di simile in tutta la mia carriera. Ha detto di aver frenato quando ha colpito la Cruze, ma le riprese onboard lo smentiscono “, ha detto Coronel al Telegraaf olandese “Si è detto dispiaciuto, ma fa niente. E’ solo stata una mossa stupida.” La direzione gara ha punito poi il marocchino con un passaggio ai box e tre posti di penalità da scontare in Francia.

Destino simile ha rischiato Gabriele Tarquini, che non ha preso parte alle gare di inizio stagione per un incidente con Morbidelli nella seconda sessione di prove libere. Per lui è in arrivo un nuovo telaio dall’Italia che sarà spedito direttamente in Francia e anche Muller farà ricorso alla test car. Avessero dovuto far fede alle vetture usate in Marocco…beh, in Francia sarebbero state tre le TC1 in meno al via…

Massimiliano Palumbo