WTCC: uno spettacolare Lopez conquista la seconda gara a Spa

10491272_509673675799497_3672258135515229140_n

Che il WTCC anno domini 2014 sia un affare privato Citroen è noto da tempo e i risultati in gara non fanno altro che confermarlo di volta in volta, ma che le gare risultato comunque divertenti non era poi così scontato! Per fortuna i piloti dotati di C-Elysèe cercano di regalare in ogni gara manciate di spettacolo per non ammazzare del tutto l’interesse verso la categoria.

E’ il caso di Jose Maria Lopez, che dopo aver bruciato il compagno Loeb all’ultimo di giro di Gara 1, si è esibito in fantastici traversi in uscita di Blanchimont durante tutta la gara mentre cercava il varco giusto per passare l’avversario (birillo?) di turno e sopratutto con uno stupendo sorpasso-vittoria ai danni di Tom Coronel nella discesa dell’Eau Rouge, una sorta di riedizione di quanto fatto da Mark Webber su Fernando Alonso qualche anno fa.

Con questa fantastica manovra, l’argentino di casa Citroen è andato a vincere la quinta gara dell’anno, dopo una serie impressionante di sorpassi mai oltre le righe. Secondo ha concluso il vincitore di gara 1 Yvan Muller, che non è riuscito a star dietro al tremendo compagno e quando si è ritrovato in seconda posizione ha solo potuto constatare che il divario era ormai troppo ampio per poter essere rimarginato e quindi tanto valeva accontentarsi della secondo gradino del podio, che gli vale comunque il secondo posto in campionato.

Terzo ha chiuso uno straordinario Tom Coronel con la Cruze dell’italiana Roal Motorsport, davvero di più non si poteva chiedere al simpaticissimo olandese. Partito come una fionda, ha subito passato Morbidelli al via e si installato al primo posto, posizione tenuta per tutta la gara. Una volta raggiunto dalle Citroen, però, ha dovuto suo malgrado cedere  la posizione prima a Lopez e poi a Muller, troppa la differenza di prestazione, portando a casa comunque un ottimo terzo posto finale, che in fin dei conti è pur sempre una vittoria tra gli umani.

Tiago Monteiro ha terminato in quarta posizione, nuovamente il meglio piazzato tra le Honda. Così come in gara 1, il portoghese si è distinto per grinta e solidità, riuscendo anche a tenersi dietro la Citroen di Seb Loeb, apparso ancora una volta in difficoltà quando si tratta di ingarellarsi sportello contro sportello per conquistare una posizione. Sesta piazza per Gianni Morbidelli, che in questa occasione non aveva il ritmo per fare molto di più.

Michelisz, Tarquini, Valente  e Chilton hanno completato la top 10, mentre Mickhail Kozlovskyi, 12esimo, ha nuovamente vinto la sfida interna tra le Lada. Engstler, invece, si è affermato per la seconda volta tra le TC2, davanti al nostro Pasquale di Sabatino.

Il WTCC si prende ora un mesetto e mezzo di vacanza, finito il tour Europeo bisogna trasferire tutto il materiale in America dove ad Agosto riprenderanno le ostilità. Riusciranno Muller e Loeb a scalzare Lopez dalla vetta del campionato? Il Campione del Mondo in carica denuncia 39 punti di svantaggio mentre all’asso dei rally ne mancano 65 per raggiungere il compagno-rivale.

Massimiliano Palumbo

Immagine