ELF CIV 2019,MISANO.Superbike Italia,la Dura Legge di Pirro.

SBK, Pirro fa una (super) pole al CIV di Misano, Savadori attardato.

Il ducatista sbaraglia tutti in Q2 migliorando di 1 secondo il tempo di venerdì, il pilota Aprilia, terzo a sette decimi, è dietro Russo. In Moto3 pole di Carraro che beffa Spinelli.

Il grande dittatore. Michele Pirro non ci sta a farsi alitare troppo sul collo e nelle Qualifiche del quarto round del CIV di Misano, lancia un segnale forte agli avversari. Inutile farsi troppe illusioni, batterlo non sarà facile nelle gare del weekend. Il pilota del team Barni piazza un tempo “pesante” in Q2, che ha il sapore dell’avvertimento.

Il suo 1.35”749 -1 secondo meglio del 1’36.718 di Q1 – gli vale un primato in qualifica che si traduce in distacchi pesanti per i rivali. Nella fattispecie per Lorenzo Savadori che, dopo la doppietta di Imola ed il secondo tempo in Q1 di Venerdì a poco più di un decimo, iniziava a mandare segnali di battaglia per il titolo SBK. Il pilota Aprilia resta comunque uno dei pochi, al momento, a poter “reggere botta” allo strapotere di Pirro, l’unico quest’anno ad averlo battuto nel doppio round del Santerno.

Lorenzo oggi non va oltre il terzo posto (+0.751) lasciando strada a Riccardo Russo, bravo nel finire di sessione a portare la sua Ducati in seconda casella, seppure con un distacco dal poleman di 0.685. Per la gara, stando anche al passo mostrato da Pirro, appare dura per il discorso vittoria, ed anche per le speranza di vedere una SBK incerta fino al round di Vallelunga.

SBK, CIV: Pirro impone il suo ritmo e batte Savadori a Misano.

Quinta vittoria di stagione per il ducatista che allunga sul rivale su Aprilia, Russo chiude terzo. Caos in Moto3 Carraro sciupa tutto in partenza, vittoria a Spinelli.

Ci si attendeva una vittoria e vittoria è stata. Gara 1 SBK del CIV sul tracciato di Misano Adriatico ha visto il quinto successo stagionale di Michele Pirro che batte un pur coriaceo Lorenzo Savadori che, nonostante le abbia provate tutte per non lasciare spazio al rivale, si è dovuto accontentare della seconda posizione, un risultato comunque positivo, arrivato dopo aver tirato fuori il massimo oggi dalla sua RSV4.

SBK: la dura legge di Michele Pirro.

Scatto perentorio al via di Lorenzo Savadori che allo spegnersi del semaforo lascia sul posto Michele Pirro, presentandosi alla prima curva con margine sugli avversari. Un avvio che lasciava intendere qualcosa di più per il pilota Aprilia, ma Pirro ha subito imposto la sua legge. Qualche passaggio di studio dietro al codone della RSV4 del team Nuova M2 racing e poi l’attacco ed il sorpasso sul rivale.

Da questo momento in avanti Pirro imposta il suo ritmo fatto di run sul passo del 1.37” basso e per Savadori, bravo comunque a reggere il ritmo del rivale, girando anche lui sul 37” basso seppur di una manciata di decimi superiore al rivale, c’è stato ben poco da fare.

Un vantaggio per la Ducati Barni che decimo su decimo ha portato Michele a tagliare il traguardo con un vantaggio di 1,9 secondi sull’Aprilia numero 32. Dietro di loro bella prestazione di Riccardo Russo che per tre quarti di gara riusciva a reggere il ritmo dei primi due portando a casa un meritato podio dopo il terzo posto in qualifica.

Da segnalare la bella lotta che ha visto coinvolti ben 5 piloti in lizza per il quarto posto. Vitali, Tamburini,Cavalieri, Zanetti e Baiocco hanno dato vita a bei duelli e sorpassi che hanno premiato la tattica di Luca Vitali che porta così la sua BMW del team DMR in quarta casella, con Tamburini che ha invece perso poi terreno nel finale.

Photo Credit LUCA MACHETTI PHOTOGRAPHY All Right Reserved