IndyCar – Al NOLA festival di cautions, vince Hinchcliffe

1297686863977_ORIGINAL

47 giri su 75 disputati di cui 21 in regime di bandiera verde e 26 di caution; questi sono il numeri del GP inaugurale di New Orleans disputatosi ieri nel paludoso NOLA Motorsports Park, circuito si dotato di un bel colpo d’occhio ma a altrettanto poco attrezzato per ospitare un evento di caratura mondiale come la IndyCar. Alcune delle numerose ‘yellows’ che hanno alterato il normale andamento della gara sono da imputare alle numerose pozzanghere presenti in pista a causa del manto stradale più adatto ad una corsa di supercross che ad una di automobilismo e la lentezza in alcuni casi del safety team ufficiale ha fatto il resto costringendo a concludere la gara con sole 47 tornate all’attivo per il raggiungimento del limite delle 2 ore.

11136717_843100832392018_9081641358583824268_n

Ha vinto con molta fortuna e poco merito James Hinchcliffe, ritrovatosi nelle battute conclusive in testa a giocarsela con Helio Castroneves ed il compagno di scuderia James Jakes, un altro graziato dalla dea bendata. I veri protagonisti della prima frazione di gara, Montoya e Power, sono rimasti fregati dal fatto di essersi fermati anzitempo prima che la famigerata serie di caution a ripetizione favorisse proprio chi la sosta l’ha ritardata o addirittura evitata.

In pista è successo di tutto: Karam si è giurato due volte, Gabby Chaves è rimasto quasi impantanato nella via di fuga dopo un testacoda, fuori gara Hawksworth speronato da Jakes, Coletti causa aquaplaning ha sbandato in pieno rettilineo ed è finito contro il guardrail interno del rettifilo di partenza e Dracone ha investito un suo meccanico spedendolo d’urgenza al centro medico del tracciato, dove gli hanno diagnosticato un profondo taglio ad una gamba.

 

Il crash a tre finale che ha visto protagonisti in negativo Hunter-Reay e Pagenaud, coinvolto anche Bourdais senza colpe, ha fatto il resto e ha congelato la gara che altrimenti almeno per il pubblico pagante – tribune al 90% piene – e quello a casa avrebbe potuto riservare anche qualche bella lotta per la vittoria. Quasi a podio Simona De Silvestro, che prima dell’ultima interruzione aveva tentato un sorpasso su Jakes e Castroneves per agguantare il podio, peccato. Ennesima top-10 senza infamia e senza lode per Luca Filippi, che almeno è stato bravo ad evitare ogni tipo di guai.

 

Con il quinto posto finale – primo tra i meritevoli – Montoya conserva la leadership in campionato, seguito da Castroneves che ha sopravanzato Power, settimo dietro Kanaan al traguardo. Con la vittoria Hinchcliffe entra in top-5 superando Kanaan.

Si torna in pista già questo week-end con l’evento più mondano del campionato: Long Beach, California.

 

Domenica 12 aprile 2015, gara

1 – James Hinchcliffe (Dallara DW12-Honda) – Schmidt – 47 giri
2 – Helio Castroneves (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 0″4279
3 – James Jakes (Dallara DW12-Honda) – Schmidt – 0″8452
4 – Simona De Silvestro (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 1″2924
5 – Juan Pablo Montoya (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 1″7564
6 – Tony Kanaan (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 2″2638
7 – Will Power (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 3″0958
8 – Graham Rahal (Dallara DW12-Honda) – Rahal – 4″3495
9 – Josef Newgarden (Dallara DW12-Chevy) – CFH – 5″7352
10 – Luca Filippi (Dallara DW12-Chevy) – CFH – 7″2115
11 – Scott Dixon (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 7″8421
12 – Carlos Munoz (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 9″0899
13 – Marco Andretti (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 9″7817
14 – Charlie Kimball (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 15″7221
15 – Gabby Chaves (Dallara DW12-Honda) – Herta – 1 giro
16 – Carlos Huertas (Dallara DW12-Honda) – Coyne – 1 giro
17 – Stefano Coletti (Dallara DW12-Chevy) – KV – 3 giri
18 – Sage Karam (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 3 giri

Giro più veloce: Scott Dixon – 1’29″0455

Ritirati
44° giro – Ryan Hunter-Reay
44° giro – Sebastien Bourdais
44° giro – Simon Pagenaud
30° giro – Takuma Sato
24° giro – Francesco Dracone
20° giro – Jack Hawksworth

Il campionato
1. Montoya 84; 2. Castroneves 74; 3. Power 70; 4. Hinchcliffe 65; 5. Kanaan 63.

 

Roberto Del Papa – @papix27