RESOCONTO DEL GP DI SILVERSTONE

Le aspettative per questo Gran Premio sono state completamente stravolte, se si guarda ai valori mostrati in pista ieri in qualifica: Lewis Hamilton, che partiva in pole position, ha subìto una foratura (episodio molto controverso, di cui parleremo in seguito) mentre si trovava in testa, e ha lasciato la prima posizione a Sebastian Vettel, che, a sua volta, è stato costretto al ritiro a causa di un guasto al cambio. Ne hanno approfittato i compagni di squadra, Rosberg e Webber, che hanno preceduto Fernando Alonso. Per la Ferrari danni limitati, soprattutto grazie alla sfortuna degli avversari, malgrado le scarse prestazioni della monoposto per tutto il fine settimana.

Alla partenza Webber è scivolato fino alla 14esima posizione; Massa, invece, partendo dalla 12esima piazza, è risalito fino alla quinta posizione. Ma ciò che è capitato a Hamilton all’ottavo giro, ovvero l’inspiegabile foratura della posteriore sinistra, è toccato pure al Brasiliano e in seguito anche a Vergne, che però è stato meno fortunato dei primi due, dal momento che si è dovuto ritirare. In seguito a questo terzo e controverso episodio, la Safety Car è uscita sul tracciato, nella perplessità generale: le forature infatti non erano dovute ad errori dei piloti o contatti, ma molto probabilmente ad un difetto della gomma stessa, nonostante le squadre raccomandassero ai propri piloti di fare attenzione ai cordoli.

Mentre Hamilton e Massa riuscivano a rientrare ai box, alla testa della corsa è passato Vettel, che manteneva facilmente a distanza Rosberg; al 41esimo giro, tuttavia, la cattiva sorte ha colpito anche il tre volte campione del mondo, che ha accusato la rottura del cambio e si è dovuto fermare proprio sul rettilineo. Per questo motivo la Safety Car è rientrata e alcuni piloti, tra cui Alonso ed Hamilton, ne hanno approfittato per cambiare gomme. Rientrata ai box a sei giri dalla fine, i due si trovavano rispettivamente in ottava e nona posizione, ma grazie alla strategia, rivelatasi azzeccata, hanno dato inizio ad una serie di sorpassi che li ha portati rispettivamente al terzo e quarto posto.

Mentre Alonso stava superando Perez, il messicano ha subìto una foratura, sempre dovuta ad un difetto della gomma. La Lotus di Raikkonen, che dopo la seconda SC si trovava in seconda posizione davanti a Webber, è scivolata in quinta piazza, mentre il compagno di squadra Grosjean si è ritirato a pochi giri dalla fine.

Hanno completato la top ten Massa, Sutil, Ricciardo, che già ieri in qualifica aveva ottenuto un ottimo quinto posto, e Di Resta, rientrato in zona punti nonostante la penalità di ieri che lo aveva relegato in ultima posizione per le irregolarità di peso della sua Force India. Jenson Button, che correva in casa, ha purtroppo conseguito un risultato deludente, concludendo la corsa in 13esima posizione.